È tempo di Fuorisalone

Una nuova edizione della manifestazione milanese in versione total digital. Ma si pregusta già l’appuntamento fisico di settembre

The Litta Variations. Fuorisalone 2019. Ph @ Francesca Guzzo

Aprile, Milano, Fuorisalone. La correlazione è naturale e attesa. E così, senza deludere le aspettative della design industry, il Fuorisalone fa la sua comparsa, per il secondo anno consecutivo in un formato completamente digitale. Dal 12 al 18 aprile (ma le iniziative proseguiranno fino a settembre) la piattaforma online dell’evento metterà in scena preview di prodotto, tavole rotonde, virtual events, webinar per esporre quanto di nuovo e curioso il comparto ha da raccontare.

È il tema “Forme dell’Abitare” a creare un fil rouge tra le centinaia di proposte: un invito a riflettere sugli spazi abitativi, su come stanno cambiando e come si evolveranno in futuro; un’indagine in equilibrio tra design, arte, architettura e antropologia, con particolare attenzione ai temi del design circolare, della sostenibilità e del wellbeing.

In questa cornice ruolo primario di approfondimento e in/formazione è affidato a talk e webinar: a partire dal ciclo di 11 talk proposti da Strategy Innovation, lo spin-off di Ca’Foscari, dedicati al tema dell’abitare domestico; così i talk di Lombardini22 dedicati ai temi della progettazione dell’involucro edilizio, dello spazio commerciale retail e dello spazio di lavoro; e i tre appuntamento di Phyd, la phygital venture di The Adecco Group, che incontra Paola Navone, Amleto Picerno Ceraso e propone un incontro dedicato al rapporto tra formazione e mercato del lavoro applicato al design.
Partecipano anche i Digital Innovation Days con il talk intitolato “La nuova era del design” e Teva con un appuntamento dedicato al design thinking applicato all’ambito farmaceutico.

Design-off-line. Ph © Stefania Zanetti
Design off-line. Ph © Stefania Zanetti

Gli highlights di Fuorisalone.it? Da non perdere la serie “Taste the Architect” targata INDEHO e promossa da Signature Kitchen Suite; la nomina dei vincitori della call indetta da Worth Partnership Project; la terza edizione di Life in Vogue, a cura di Federica Sala; la mostra Design off-line di NABA- Nuova Accademia di Belle Arti presso lo Scalo Lambrate dedicata ai progetti degli studenti dell’Area Design; e la quinta edizione del festival Rethink! Service Design Stories con “Talkin’ Bout A Revolution”.

Annunciate intanto le date per la prossima edizione, dal 5-10 settembre 2021, che si svolgerà in modalità fisica, anche senza il Salone del Mobile.