Il nuovo volto dell’ospitalità

Torna HostMilano finalmente in presenza, dal 22 al 26 ottobre 2021, con un’importante edizione che è cartina tornasole di cambiamenti inarrestabili e rivoluzionari. Ne parliamo con Simona Greco, Group Owned Exhibitions Director di FieraMilano

Simona Greco
Simona Greco

Nessun settore, come quello dell’hospitality, ha condensato una rivoluzione a dir poco epocale in uno spazio temporale così breve, a seguito degli effetti della pandemia e dei relativi cambiamenti sociali. L’appuntamento di HostMilano, dal 22 al 26 ottobre 2021, non solo ne testimonia il forte spirito di adattamento, ma la sua rapida ed efficace risalita. Numeri alla mano, ce lo racconta Simona Greco, a capo di FieraMilano come Group Owned Exhibitions Director.

Partiamo subito dai dati di ripresa in forte accelerazione per il settore che fanno ben sperare. Quali sono i comparti più ‘fortunati’?
La ripresa è un trend confermato dai numeri. Il settore arredamento nel primo semestre 2021 ha visto un aumento delle vendite totali del 51,7% rispetto allo stesso periodo 2020 ma, ed è ancora più interessante, del 14,3% in confronto al primo semestre 2019 (dati FederlegnoArredo). Parimenti la ristorazione professionale, che, secondo i dati di ExportPlanning, già nel primo trimestre del 2021 ha fatto registrare un ‘boom’ di vendite globali, con un +22,8% in euro rispetto al primo trimestre 2020 e un +23% rispetto al corrispondente periodo 2019. In generale va considerato che i settori rappresentati in HostMilano, con 3,6 miliardi di euro, sono terzi per valore dell’export derivante dalle fiere e tra il 2021 e il 2023 si prevede che incrementeranno del +3,2%.

HostMilano

Quali i dati di questa edizione di HostMilano, ad oggi, in merito ad espositori e visitatori italiani e stranieri?
Gli espositori confermati sono oltre 1200 di cui 435 esteri provenienti da 43 Paesi. Tra questi, i mercati internazionali considerati più promettenti come Germania, Francia, Spagna, Usa, Portogallo, Olanda, Grecia, Regno Unito e Turchia. Per quanto riguarda i settori merceologici, i più rappresentati in fiera saranno Ristorazione Professionale e Bar Macchine Caffè. Quanto ai visitatori, sappiamo già che grazie al supporto di ICE/ITA Agenzia è stata predisposta la presenza di 500 buyer provenienti da 41 Paesi tra Nord e Sud America, Europa, Medio Oriente, Russia. Cui si aggiungeranno quelli che arriveranno a Milano attraverso le partnership tra la manifestazione e una trentina tra le più importanti associazioni italiane e internazionali.

HostMilano

Quali sono le principali nuove esigenze dettate dalla pandemia che hanno rivoluzionato il settore dell’ospitalità e in che modo questo ha saputo reagire?
Sostenibilità, connettività, automazione, igienizzazione, intelligenza artificiale e contactless per l’operatività e a supporto dei pagamenti, take away e delivery con la diffusione esponenziale delle dark kitchen: L’HoReCa nell’ultimo anno ha davvero dovuto e saputo rivoluzionare il suo approccio, spingendo fortemente verso la digitalizzazione. Una tendenza che continuerà ad affiancare i consumi in presenza. Le aziende sono state al fianco dei professionisti ideando nuovi prodotti che facilitano l’ingresso nel New Normal. Per questo l’edizione 2021 si presenta così importante per chi desidera cogliere e toccare, letteralmente, con mano le soluzioni del futuro.

HostMilano

Di conseguenza, su quali nuovi cardini avete improntato la manifestazione?
Già solo lo svolgimento in presenza è un fatto pressoché unico nel panorama delle fiere internazionali legate all’ospitalità professionale e ha creato grandi aspettative. In questi ultimi due anni la macchina di HostMilano non si è mai fermata, perché la nostra idea è sempre stata quella di continuare a porci come partner delle aziende partecipanti, oltre che di buyer e stakeholder. Abbiamo organizzato webinar sui temi più attuali del momento, inviato newsletter e comunicati stampa, effettuato un restyling sui siti di manifestazione. Sul fronte ormai imprescindibile del digital, le possibilità di networking in fiera saranno ulteriormente amplificate dalla piattaforma Expo Plaza, che presenta il catalogo online di tutti gli espositori e agende aperte e appuntamenti prefissati con gli espositori prescelti.

HostMilano

Qual è il vantaggio di svolgere HostMilano in contemporanea con TUTTOFOOD?
Host2021 potrà contare sullo svolgimento in contemporanea di non uno ma due ulteriori appuntamenti: TUTTOFOOD, l’evento leader dell’ecosistema agroalimentare, momento ideale per sfruttare le sinergie tra l’agrifood e l’hospitality; e MEAT-TECH, l’evento dedicato alle tecnologie per la lavorazione delle carni e i piatti pronti. Il vantaggio è di fornire ai professionisti un panorama davvero completo che, oltre alle attrezzature e ai semilavorati, coinvolge anche le soluzioni per il retail.

SMARTLabel – Host Innovation Award è il concorso aperto a tutte le aziende innovative. Soprattutto l’innovazione tecnologica è il trend che ha preso maggiormente piede nel settore con una forte digitalizzazione. Quali importanti tendenze relative all’innovazione ha rilevato quest’anno?
Il risparmio energetico, l’utilizzo di materiali e soluzioni green, il focus sull’igiene e le soluzioni tecnologiche user friendly, la customizzazione e personalizzazione e la flessibilità di utilizzo dei prodotti. Se scorriamo le caratteristiche dei 25 prodotti che quest’anno hanno vinto le tre categorie del premio (Innovation SMART Label, Green SMART Label, SMART Label) sono questi i filoni più fecondi che in qualche modo prefigurano ciò che sarà l’ospitalità futura.

HostMilano

Ci saranno sviluppi con i vincitori, dato che il concorso è organizzato da Fiera Milano e HostMilano in collaborazione con POLI.Design e il patrocinio di ADI?
SmartLabel – Host Innovation Award è un premio ambito e ormai riconosciuto internazionalmente e giunto alla sua quarta edizione. Quest’anno sono state 79 le candidature presentate, con più della metà degli aspiranti vincitori provenienti dal Food service equipment e dal segmento Bar, Coffee machines, Vending. Ci attendiamo che un riconoscimento di questo alto profilo attirerà ancora più l’attenzione degli addetti ai lavori e che l’edizione 2021 sarà considerata la più visionaria di sempre, collocata come è nel pieno della ripartenza dell’intero settore legato all’ospitalità professionale.