Salto nel pensiero creativo

A Boise, nell’Idaho, il centro polifunzionale Jump libera e allena il potenziale creativo umano. Un nuovo ecosistema dal comfort innovativo grazie anche alle performance dei materiali fonoassorbenti Fantoni

Jump - Boise, USA
Jump - Boise, USA

È l’acronimo di ‘Jack’s urban meeting place’, omaggio al fondatore dell’azienda agro-alimentare Simplot e al suo spirito pionieristico. Ma è anche un balzo vitale nell’esercizio della libertà della mente per proiettarla verso il futuro. Jump (salto), centro polifunzionale nella città di Boise, nell’Idaho – che ha visto i natali e il fulgido sviluppo imprenditoriale di Jack Simplot – si fonda proprio sul credo che il potenziale umano necessiti di ambienti che lo ispirino. Per questo il progetto, sviluppato dallo studio di architettura Adamson Associates (Los Angeles) e dagli interior designer Lauck Group (Dallas), mira ad offrire spazi di opportunità di crescita, innovazione, ispirazione, luoghi di condivisione dei saperi che sono il vero humus per lo sviluppo delle risorse creative.

Jump - Boise, USA
Jump - Boise, USA

Il campus sorge in centro città, al posto di un antico essicatoio di proprietà della famiglia, e si sviluppa da un parco con un anfiteatro esterno, inglobando gli headquarters aziendali, una mensa aperta al pubblico e un auditorium. Nonché aree d’incontro, gioco e brainstorming, spazi per ricevimenti, nuove biblioteche chiamate ‘studios’ dove registrare musica, prototipare in 3D o realizzare film, cucinare in maniera innovativa o danzare. Spazi enormi e ampi volumi definiscono complessità e vastità del progetto, che ha visto la concertazione di un team di tecnici, architetti, interior designer e ingegneri per conciliare aspetti estetici e tecnici.

Un fondamentale elemento di comfort arriva dai materiali fonoassorbenti forniti da Fantoni, pronti a bilanciare l’acustica compromessa dalle numerose vetrate progettate a favore di uno scambio con l’ambiente esterno. I prodotti Climacustic e 4akustik di Fantoni, in tutto 18.000 mq, contribuiscono a rendere altamente performanti gli headquarters, la mensa, i corridoi di collegamento e molti degli spazi comuni, con soluzioni customizzate a forte impatto estetico. Il sistema radiante e fonoassorbente Climacustic, a base legno e unico al mondo, risponde alle esigenze di pannelli radianti ‘wood looking’ con performance acustiche e decorative speciali, flessibilità alle condizioni del soffitto e peculiarità ignifughe. La sua forte capacità radiante lo rende adatto ad essere utilizzato anche nelle zone perimetrali vetrate. In alcune aree, Climacustic si alterna al solo pannello fonoassorbente 4akustik, curvato, plasmato e customizzato dagli architetti (un prodotto che vanta la classe B-s1,d0 di reazione al fuoco nella certificazione europea). Entrambi sono conformi allo standard F 4 stelle secondo la norma JIS, certificata dal ministero giapponese e considerata la più rigorosa al mondo per basso contenuto di formaldeide e quindi altamente ecocompatibile; entrambi poi contribuiscono alla certificazione Leed. È risultata vincente la possibilità di ottenere una finitura uniforme che elimina l’interruzione visiva tra un prodotto e l’altro.

Photo © Sisterbrother Photography

Jump - Boise, USA