Tankoa. Italian excellence

Una nuova idea di superyacht è l'ultima sfida di una delle aziende leader nel mondo della navigazione: Tankoa Yachts presenta T760 Apache, “gioiello” di 76m in acciaio e alluminio ispirato alla linearità estetica dell'architettura moderna

T760 Apache by Tankoa
T760 Apache by Tankoa
DATA SHEET

Lenght overall: 76 mt
Beam: 12,50 mt
Draft at half load: 3,20 mt
GRT 1.515 GT
Displacement: Max 1.350 tons
Classification: Lloyd
Engines – opt. 1: 2 x CAT C3512E – 2 x 1901 kW at 1.800 rpm
Engines – opt. 2; 2 x MTU V4000M73 – 2 x 1920 kW at 1970 rpm
Max Speed at half load: 16,5 Knots
Cruise Speed: 15 Knots

Tratti nitidi ed eleganti caratterizzano il concept design di Apache, innovativo superyacht ideato da Alberto Mancini, espressione di una visione del lusso discreta e inedita. «Nonostante la sua giovane età – dichiara Giuseppe Mazza, Tankoa Sales and Marketing Manager – lo considero uno dei più importanti yacht designer al mondo. Credo che la piscina sospesa a prua tra il ponte superiore e quello principale sia un’idea visionaria di Alberto che ancora una volta stupisce con soluzioni innovative».

Beach club, T760 Apache by Tankoa

VIP suite, T760 Apache by Tankoa

Un’idea contemporanea del navigare espressa attraverso linee nette che donano un design dinamico e creano un inaspettato trait d’union tra interno ed esterno, per amplificare il rapporto tra l’uomo e il mare e dar vita a spazi di luce. «I ponti – racconta Albero Mancini – dovevano offrire più aree dedicate al relax e alla socializzazione, ma l’equilibrio tra spazi interni ed esterni doveva essere istintivo, luminoso e felice». La luce diviene così protagonista in diverse aree di Apache come nel salone e nella sala da pranzo del main deck estesi su 118mq, nelle quattro cabine per gli ospiti e nella lussuosa VIP suite a prua avvolte da ampie finestrature.

T760 Apache by Tankoa

Ed è nel beach club che si assapora con più forza l’equilibrio tra indoor e outdoor: le terrazze laterali – apribili e abbattibili – offrono un’area open air di 125mq dotata di una piscina che “affonda” nel mare, raggiungibile attraverso la grande scalinata centrale. «Volevo evitare il tipico effetto “grotta buia” che oggi vediamo in molti beach club – spiega Alberto Mancini – Per questo, il beach club di Apache non è solo un’area dalla quale si accede al mare, quindi fruibile quando si è all’ancora di giorno, ma è totalmente integrato con il salone del ponte principale, così da poter essere utilizzato giorno e notte con un’estensione dello spazio abitativo esterno».

Beach club, T760 Apache by Tankoa

Apache, Tankoa 8
Apache, Tankoa 7
Apache, Tankoa 10
previous arrow
next arrow
 

Ogni finitura diviene la narrazione dell’esclusività firmata dal cantiere di Genova e della sua costante ricerca della bellezza: un’accuratezza che si svela negli interni in cui i tessuti e i wallpaper Loro Piana si combinano in modo sapiente ai pannelli in legno di frassino blu scuro, al parquet in rovere e alla pelle scamosciata nabuk.

Raffinatezze stilistiche che raggiungono il loro apice nella sofisticata cabina dell’Armatore posta a prua, nel ponte superiore, con accesso diretto a uno degli elementi più audaci del superyacht: la Flying Pool, una piscina in vetro di oltre nove metri concepita con un fondale trasparente, per far filtrare la luce nella zona fitness sottostante e nuotare sospesi, avvolti dalle meraviglie dell’Oceano.

Flying pool, T760 Apache by Tankoa