Love Design sostiene i giovani ricercatori

Si è conclusa con successo l’ottava edizione di Love Design, l’evento solidale ideato e promosso da AIRC e ADI in cui design di qualità, ricerca scientifica e solidarietà hanno trovato una formula vincente per sostenersi a vicenda

From left, Irene Schiano Lomoriello, Pal Koustav and Rossella Scotto di Perrotolo, winners of Fellowship Love Design 2017

Ancora una volta Love Design®, evento solidale promosso dal Comitato Lombardia di AIRC, Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro, e da ADI, al fianco dell’associazione fin dalla prima edizione, si fa promotore del “buon design” e dei valori di originalità, autenticità e innovazione.

Un bene comune a cui si rivolge anche la ricerca scientifica, ambito in cui operano i tre giovani che si sono aggiudicati le borse di studio triennali dell’edizione 2017, finanziate attraverso i fondi raccolti: Pal Koustav, laureato in Biotecnologie presso l’Amity University, in India, Irene Schiano Lomoriello, laureata in Biologia presso l’Università Federico II di Napoli e Rossella Scotto di Perrotolo, laureata in Biotecnologie sempre alla Federico II.

Oltre 4.000 i pezzi di design dei brand più prestigiosi del settore presentati durante Love Design® e 14.000  i biglietti della lotteria venduti, per un totale di circa 230.000 euro destinati a sostenere la ricerca oncologica. I tre giovani ricercatori infatti lavoreranno presso l’IFOMIstituto FIRC di Oncologia Molecolare di Milano, e presso l’IEOIstituto Europeo di Oncologia di Milano.

Dietro tutto questo un grande lavoro di squadra e una moltitudine di “volti” con un grande obiettivo comune, quello di rendere il cancro sempre più curabile: oltre ad AIRC e ADI,  61 aziende che hanno donato oltre 4.000 oggetti,  56 partner, quasi 200 volontari, i media, il Comune di Milano e ben 15.000 visitatori.

Ma ADI e AIRC promuovono anche il concorso con cadenza biennale Guarire con il design, con l’obiettivo di stimolare la progettazione di prodotti, sistemi di prodotto, servizi, iniziative di intervento sociale e di comunicazione volti a migliorare le relazioni interpersonali nella condizione di malattia e di terapia. La prima edizione si concluderà il 30 giugno 2018 e la premiazione avverrà in autunno.