Le lampade unconventional di Karman

Fuori dagli schemi, poetiche e tecnologiche. Sculture di luce tra arte e design per personalizzare gli ambienti

Filomena by Karman, Design Matteo Ugolini
Filomena by Karman, Design Matteo Ugolini

Unconventional, poetiche, fuori dagli schemi. Le lampade di Karman si riconoscono a prima vista, per quel mix di sperimentazione tecnologica e di ricerca estetica. Ogni volta una diversa alchimia accompagna l’azienda nell’inventare nuove sculture di luce, presenze sceniche tra arte e design per personalizzare e reinventare gli spazi. Le novità giocano sulle forme geometriche, cerchi, coni, linee rette, sui pesi e contrappesi, sugli equilibri che sfidano la forza di gravità.

Stant by Karman, Design Edmondo Testaguzza
Stant by Karman, Design Edmondo Testaguzza

Come Stant, progettato da Edmondo Testaguzza, un sistema di plafoniere e sospensioni che si ispira al verbo stare, quindi forme statiche, lineari, rette e circonferenze con tutte le componenti ben visibili assemblate con perni a vista, in cui si possono liberamente inserire nuovi elementi per dare vita a micro architetture senza ulteriori cavi di alimentazione.

Matteo Ugolini, art director e creativo di Karmandeclina una forma geometrica complessa ed essenziale come il cono in diverse configurazioni e collezioni, come Filomena, una famiglia di sospensioni che parte dal cono pieno in alluminio per poi arrampicarsi su soffitti, pareti, con sospensioni a diverse altezze grazie a un lungo cavo sottile che consente sofisticati equilibrismi.

Il cono ritorna in Stralunata, insieme ad un’altra forma geometrica, il cerchio sospeso che ricorda una luna piena, un disco piatto in alluminio bianco su cui si riflette l’alone della luce proveniente dal cono rovesciato, in un gioco di pesi e contrappesi.

Stralunata by Karman, Design Matteo Ugolini
Stralunata by Karman, Design Matteo Ugolini
MoonBloom by Karman, Design Matteo Ugolini
MoonBloom by Karman, Design Matteo Ugolini

Infine, in MoonBloom, sempre di Matteo Ugolini, il cono è presentato con sorgente verso l’alto per diffondere la luce a soffitto e illuminare l’elaborato rosone in gesso bianco, oppure a “testa in giù”, per rischiarare l’ambiente circostante o la superficie di un tavolo, o infine coni che si susseguono, orientati in diverse direzioni, e si rincorrono in una apparente infinita linea di luce.

Scarica qui il catalogo delle novità.
Per approfondimenti e informazioni contatta Karman a questo link.