L’illuminazione silenziosa degli spazi

Design essenziale e dimensioni sempre più ridotte per le novità dell’illuminazione che mira a valorizzare architetture e ambienti

Flos, Mile by Antonio Citterio © Tommaso-Sartori
Flos, Mile by Antonio Citterio © Tommaso-Sartori

Una presenza discreta, silenziosa, che lima l’estetica a favore della funzionalità e soprattutto dell’efficienza energetica. È l’illuminazione tecnica e architetturale, campo di sperimentazione dell’innovazione, punto di connessione tra contesto e oggetto illuminato, in dialogo spesso tra indoor e outdoor. Per sua natura, tale ambito dell’illuminazione non si limita a far risplendere gli spazi, ma mira a valorizzare l’architettura, le cornici perimetrali, le superfici verticali, massimizzandone le qualità e il rapporto con il paesaggio, con una forte attenzione al wellness e comfort visivo.

Brand e prodotti giocano quindi su dimensioni che, per assecondare tali prerogative, diventano sempre più ridotte e adottano un design ancor più essenziale. Tali da non invadere l’ambiente con la propria espressività, ma far parlare la luce e l’ambiente stesso.

Catellani & Smith, Pepita 65
Catellani & Smith, Pepita 65
Nemo, Flex Track System
Nemo, Flex Track System

Così Pepita 65 di Catellani & Smith: una soluzione a incasso per soffitto con illuminazione diretta, formata da un corpo circolare in alluminio (nella sola finitura bianco); all’interno, il rivestimento nella caratteristica foglia color oro e una piccola cover trasparente che custodisce un LED intercambiabile ad alta efficienza da 1,2W 24V.

Sulla medesima scia, Nemo propone Flex, una famiglia di spots orientabili miniaturizzati dedicati all’illuminazione d’accento, che a seconda delle necessità di illuminazione e ambienti, propongono fissaggio, ottiche e finiture differenti. Flex Ceiling, ad esempio, è la gamma con ottica fissa e zoom 15°- 45°, mentre Flex Track System è un sistema nel quale gli spots in alluminio anodizzato nero, vengono installati a binario tramite un sistema di aggancio magnetico/meccanico. In entrambi i casi, lo snodo consente di fissare gli spots a plafone o a binario e di orientarli a piacere, nascondendo i cavi.

Flos, Mile Path © Tommaso Sartori
Flos, Mile Path © Tommaso Sartori
Luceplan, Flia
Luceplan, Flia

Antonio Citterio ha fatto della riduzione delle dimensioni dell’oggetto un vero e proprio tema progettuale, incapsulato nella collezione Mile disegnata per Flos. “Si è cercato di minimizzare, essere performanti e avere la qualità percepita di un ‘oggetto perfetto’, dove tutte le superfici esterne risultano complanari – racconta l’architetto -Il risultato finale è stato ottenuto grazie a un lungo lavoro di ottimizzazione delle parti che compongono l’apparecchio”. Questo programma di luci professionali per esterni comprende un modello Bollard declinato in due altezze e due larghezze diverse, a emissione di luce mono o bi-direzionale; una versione Wall per installazione a parete; un elemento Ceiling, dall’ottica arretrata rispetto al punto di osservazione e con quattro possibili fasci di apertura, e la new entry Path, disegnato in due diverse larghezze, con riflettore customizzato e ottica super confortevole, è ideale per camminamenti e corridoi.

Restando nel contesto outdoor, spicca Luceplan con la famiglia di lampade da terra per esterni Flia. La miniaturizzazione della fonte luminosa è il punto cardine del progetto: lo stelo, in carbonio, è sostenuto da un cilindro contenente il cuore pulsante e conferisce alla lampada resistenza, leggerezza e flessibilità. Flia è disponibile in configurazione singola – tre diverse altezze – oppure multipla – a 2 e 3 steli – e può essere fissata a pavimento o direttamente al terreno. Oltre a diventare “nomade” grazie alla versione ricaricabile.

iGuzzini, Lun-Up-Evo
iGuzzini, Lun-Up-Evo

Completamente immerso e mimetizzato nel contesto naturale: è Lun-Up Evo, soluzione innovativa e sostenibile disegnata da Dean Skira per iGuzzini. Si tratta di una soluzione a incasso, con installazione a terra o pavimento e impreziosita dalla trasparenza del vetro, pensata per illuminare solo dove necessario: una “sorridente” forma che – combinando più Lun-Up Evo – può ampliarsi a semicerchio, cerchio o creare un ritmo ondulato. Grazie alla tecnologia ottica brevettata OptiBeam, il prodotto offre il massimo comfort visivo e garantisce due distribuzioni con ottica Flood e Wide-Flood.

Il Fanale, Marina
Il Fanale, Marina

Ispirata chiaramente allo stile marina e alle suggestioni che evoca – direttamente connesse con il paesaggio marittimo – la collezione Marina de Il Fanale, una linea nata dalla volontà di soddisfare esigenze tecniche pur senza tralasciare un tocco estetico (propriamente vintage). Le lampade sono realizzate in ottone anticato, disponibili in versione applique e applique tartaruga – tonde oppure ovali.