Caccia al tesoro con Ideal Standard

Il tesoro è a Berlino, è rappresentato dalle architetture figlie della sua storia che Ideal Standard ha voluto ricordare con questo viaggio nelle radici della modernità

Da tanti considerata la capitale europea della cultura, il luogo dove le tendenze atterrano e cambiano forma, prendendo quell’anima continentale così riconscibile: questa è Berlino, luogo della seconda tappa del Together World Tour di Ideal Standard. Dopo Milano – noblesse oblige nei confronti della capitale del design – ecco che la scelta di Berlino consente all’azienda di legare il proprio nome e la propria reputazione a un luogo da cui è passata una grande fetta di storia dell’ultimo secolo.
Dire Berlino significa partire dal Bauhaus e da Walter Gropius, che oltre 100 anni orsono l’ha fondata con l’idea di creare un design senza tempo, proprio come Jan Peter Tewes, il nuovo CEO di Ideal Standard, introduce la missione dell’azienda: creare prodotti che rimangano sempre attuali.

Ideal Standard, Together World Tour, Extra Joy

Cos’è classico e cos’è moderno? Come nasce un design senza tempo? Queste sono le semplici domande che rappresentano il file rouge di questo tour, un tour che ha visto importanti ospiti portare il loro contributo.
Si inizia con Joern Kengelbach, giornalista e grande esperto di design che ha sottolineato come il Bauhaus abbia rivoluzionato il pensiero creativo e questa rivoluzione sia ancora percepibile oggi.

Ideal Standard, Together World Tour, Extra Joy ConnectAir

Dal giornalismo alla grande architettura con Sir David Chipperfield, che a Berlino ha aperto anni orsono una propria sede e che racconta con rara delicatezza ma altrettanta invidiabile chiarezza cosa significa raccontare Berlino: una città della Germania, nazione che viene ricordata per fatti tragici. Ebbene, Chipperfield supera l’ostacolo dato da una storia negativa con un’espressione che da sola vale il Tour “occorre pensare agli strati legittimi della storia tedesca e di Berlino, città dove è possibile investire in progetti con un significato preciso”. Racconta tutto senza transitare da concetti negativi.

Roberto Palomba
Roberto Palomba

Gran finale con Roberto Palomba, che di Ideal Stardard è art director dal 2018 e che, a proposito di Berlino, così si è espresso “Berlino è la modernità, una città che guarda sempre avanti, culturalmente ha vissuto momenti eccitanti, ma soprattutto è la città che ha determinato la rottura tra la cultura del design per pochi per approdare al design sociale, per tutti.
E dal binomio tra forma e funzione ecco Extra, la collezione di Ideal Standard disegnata da Palomba e scelta per questa tappa berlinese: un progetto puro, come lo ha definito Palomba, che nasco proprio con delle fondamenta sociali, per tutti”.

Ideal Standard, Extra Atelier Collections
Ideal Standard, Extra Atelier Collections
Ideal Standard, Extra Atelier Collections

Anche questa tappa del World Together Tour di Ideal Standard regala allo spettatore, chiunque esso sia, mezzora di contenuti in pillole ma molto fruibili, un’operazione di comunicazione che tocca le corde dell’interesse mantenendo un clima di relax.

Prossima tappa a Londra il 23 settembre.