From a Circle to a Cylinder. Un museo da capogiro

L’antica Borsa di commercio, creata originariamente per le transazioni di grano nel cuore storico della Ville Lumière, è stata ristrutturata sotto la direzione dell’architetto Tadao Ando per ospitare una parte dell’immensa collezione di Monsieur Pinault

Bourse de Commerce, Paris
Bourse de Commerce, Paris
DATA SHEET

Owner: Kering
Architectural design: Tadao Ando Architect & Associates (TAAA), PAG Pierre-Antoine Gatier
Engineering: Setec B‚timents
Interior design: Ronan & Erwan Bouroullec, NeM (Lucie Niney and Thibault Marca)
Furnishings: Artek, Cassina
Lighting: Magis, Flos Bespoke
Photo credits: Courtesy Bourse de Commerce – Pinault Collection © Tadao Ando Architect & Associates, Niney et Marca Architectes, Agence Pierre-Antoine Gatier, photos by Marc Domage, Maxime TÈtard, Studio Les Graphiquants, Paris, Patrick Tourneboeuf, Vladimir Partalo, Studio Bouroullec

La Collezione François Pinault è pronta a rivelarsi, nel ventre di Parigi, racchiusa in un abbraccio centripeto di 6.800 metri quadri che si innalza fino all’emblematica cupola ottocentesca realizzata da François Joseph Bélanger. Ad accogliere il nuovo spazio espositivo permanente voluto dal magnate francese, e l’eccezionale corpus di oltre diecimila opere di arte contemporanea, è la Bourse de Commerce, storico edificio con impianto anulare che riunisce in sé quattro secoli di prodezze architettoniche in un armonioso susseguirsi di epoche e stili.

Bourse de Commerce, Paris
Bourse de Commerce, Paris
Bourse de Commerce, Paris
Bourse de Commerce, Paris
Bourse de Commerce, Paris
Bourse de Commerce, Paris
previous arrow
next arrow

L’intervento di restauro e trasformazione è stato affidato all’architetto Tadao Ando, già artefice dei restauri delle sedi veneziane di Palazzo Grassi e Punta della Dogana, affiancato da Pierre-Antoine Gatier, capo dei Monuments historiques de France, e dagli ingegneri del gruppo Setec.  I designer Ronan e Erwan Bouroullec si sono invece occupati, in collaborazione con NeM, dell’arredamento e dell’allestimento degli interni del museo, del ristorante all’ultimo piano, affidato alla guida degli chef Michel e Sébastien Bras, e del sistema di sedute che delimita il piazzale esterno ricalcandone delicatamente il perimetro, anch’esso circolare.

Il progetto conservativo ha riguardato le facciate esterne e interne, la struttura in ghisa e ferro della cupola e il magnifico affresco sottostante realizzato nel XIX secolo per celebrare gli scambi commerciali tra i cinque continenti. La sezione circolare dell’edificio include un’iconica “rotonda” al cui interno Ando ha impostato un cilindro rivestito di pannelli in calcestruzzo liscio con un diametro di trenta metri e un’altezza di nove.

Oltre a scandire l’area destinata alle mostre, il nuovo volume determina, al centro dell’edificio, un nucleo astratto che dal piano terra si allunga al secondo piano, invitando il visitatore a seguire la luce proveniente dall’oculo, a riflettere su sé stesso, su quella forma perfetta che alluderebbe al nulla e al tempo stesso al tutto, celebrando la bellezza della semplicità.

Bourse de Commerce, Paris
Bourse de Commerce, Paris
Bourse de Commerce, Paris
Bourse de Commerce, Paris
Bourse de Commerce, Paris
Bourse de Commerce, Paris
previous arrow
next arrow
Bourse de Commerce, Paris
Bourse de Commerce, Paris

Tra la parete esterna del cilindro e quella interna della facciata decorata da Henri Blondel, le scale, “simili a bucce di frutta che si srotolano”, assecondano il movimento conducendo gli ospiti ai vari livelli: dal seminterrato, dove si trovano l’auditorium e le sale dedicate a installazioni video, performance e progetti sperimentali fino al secondo piano.

Gli arredi si innestano accompagnando in questo continuum relazionale che si svolge tra passato e presente, tra astratto e particolare, tra lo spazio architettonico e quello dell’opera d’arte. Ronan e Erwan Bouroullec hanno scelto la nuova collezione di sedie Palissade in acciaio e corda, sviluppata con Artek, le panchine realizzate da Cassina in alluminio anodizzato e tessuto, i corpi illuminanti monumentali Flos Bespoke in vetro soffiato e metallo per le altrettanto imponenti scale ottocentesche. Mentre negli spazi morbidi e lussuosi del ristorante Halle aux Grains, una collezione Magis è stata riadattata per riprendere il ferro battuto nero presente nei tavoli e nelle sedute.

Bourse de Commerce, Paris
Bourse de Commerce, Paris
Bourse de Commerce, Paris