Trent’anni per il duo Morrison-Cappellini

La mostra presentata al London Design Festival celebra il sodalizio tra il designer e l’azienda attraverso i prodotti più iconici

Showroom Cappellini - Jasper Morrison

Un rapporto lungo trent’anni quello che lega Jasper Morrison e Cappellini. Il brand specializzato nell’arredamento di interni ha deciso di rendere omaggio al lavoro del designer britannico con un’esposizione nel proprio showroom di St. John’s Street presentata in occasione del London Design Festival.

Jasper Morrison/Cappellini, trenta anni di successo” raccoglie i prodotti più iconici disegnati da Jasper Morrison nel corso del lungo sodalizio con Giulio Cappellini, che ha visto la luce nel 1988 con l’edizione della Thinking Man’s Chair, e proseguita con successo anche grazie alla continua ricerca di nuovi materiali e di sistemi produttivi avanzati.

Cappellini, showroom St. John’s Street, London

I visitatori del LDF hanno potuto compiere un vero e proprio viaggio nel tempo attraverso, tra gli altri prodotti, il divano Three Sofa De Luxe, la sedia Hi Pad del 1999, la Tate del 2000, il tavolo Simplon del 2003, la poltrona Lotus del 2005 e il tavolo Bac dello stesso anno, a cui si sono aggiunte nel tempo le sedie in versioni differenti, fino ad arrivare alla poltroncina O Cap del 2018.

Jasper Morrison rappresenta per Cappellini il designer che più di ogni altro ha contribuito l’affermazione internazionale del brand. I suoi progetti hanno il merito di aver superato trend e mode del momento grazie a un’eleganza minimalista e arredano musei, uffici, alberghi, residenze private e aeroporti sparsi nel mondo. Oltre a Cappellini, Morrison collabora con Alessi, Flos, Rowenta, Sony e Samsung. Lo storico brand nato nel lontano 1946 invece, ha il pregio di aver sempre cercato di sperimentare ed esplorare nuovi modi di abitare, arredando sia l’intero ambiente domestico che spazi contract, come lounge, hotel e ristoranti. Molti dei prodotti Cappellini sono esposti nei più importanti musei del mondo quali ad esempio il Victoria & Albert Museum di Londra, il Moma di New York e il Centre Pompidou di Parigi.