Urban sanctuary

L’esperienza al The Murray di Hong Kong non si limita a un’ospitalità di alto profilo. È vero e proprio stile di vita fatto di raffinato gusto estetico e amore per le buone abitudini. Un riferimento di tendenza per l’intera città nato dal sodalizio tra Foster + Partners e Niccolo Hotel

Lobby, The Murray
Lobby, The Murray

Lungo la leggendaria Cotton Tree Drive di Hong Kong, nota zona calda per la registrazione di matrimoni, questa volta a sposarsi sono finezza di pensiero ed eccellenza che, fusi nell’esclusivo The Murray della catena Niccolo Hotel, diventano esperienza a dir poco totalizzante.
L’appeal seduttivo è la significativa linea direttiva data dai progettisti di Foster + Partners alla sublime operazione conservativa dell’edificio, che rappresenta un monumento storico della città e ospita l’hotel dallo scorso gennaio. Un’infilata di arcate maestose fa da base alla struttura reticolare regolare estesa su 25 piani di altezza che gli architetti sono riusciti a restituire alla città.

Esterno, The Murray
Esterno, The Murray

Quello che già rappresentava un esempio pionieristico di sostenibilità ed efficienza energetica nel 1969, quando il modernista Ron Phillips lo progettò, è stato oggi magistralmente riadattato alle necessità contemporanee, con un intervento che ha messo la parola integrità al centro.
“Abbiamo voluto creare un dialogo tra vecchio e nuovo”, raccontano gli architetti, “il nostro intento è stato riscoprire il fascino di andare in hotel, ritrovare quel senso di unicità a partire dall’accesso esterno, valorizzando gli elementi di forte carattere”.

Teather Niccolò Hotel, The Murray
Teather Niccolò Hotel, The Murray

Una salvaguardia dell’esistente finalizzata anche alla relazione con lo scenario circostante, il distretto economico ma anche l’oasi verde data dal parco e dal giardino botanico. L’identità è forte anche all’interno, dove i materiali si esprimono con onestà e sono assemblati per ridefinire il lusso attraverso un nuovo senso di esclusività ed eleganza.
Il marmo bianco e nero dei pavimenti si abbina alle finiture bronzo dell’acciaio inossidabile, il vetro soffiato a mano fa da contrasto ai tessuti provenienti dall’Italia e dall’Asia. Tutto è naturalmente empatico con la struttura originale, e ogni singolo elemento è scelto con cura per integrarsi in una visione olistica degli ambienti.

Shower room, The Murray
Shower room, The Murray

Un chiodo fisso di Foster + Partners, che passa attraverso il setaccio della maestria artigianale ciascuna fase costruttiva, dal ‘guscio’ architettonico al più piccolo dettaglio della rubinetteria del bagno. Un’altra cifra progettuale che connota il lusso di The Murray è la generosità degli spazi, estesa a tutte le aree.

Lane Bar, The Murray
Lane Bar, The Murray
PPJ Bar, The Murray
PPJ Bar, The Murray
PPJ Bar, The Murray
PPJ Bar, The Murray

I ristoranti, i bar, il particolarissimo Aviary proprio sul tetto, luogo di dinamiche sociali del distretto, per una cena, un drink o per godere della vista mozzafiato, concepito per diventare un continuum con il verde circostante essendo più basso degli skyscraper che lo circondano.

Room Deluxe, The Murray
Room Deluxe, The Murray
Grand Deluxe, The Murray
Grand Deluxe, The Murray

Sono oversize anche le camere degli ospiti, 336 in totale, il cui layout trae vantaggio dalla geometria dell’edificio, con le ampie vetrate che arretrano lasciando entrare abbondante luce ed evitando il surriscaldamento da irradiazione diretta, a protezione anche delle preziose superfici ricoperte da pietre rare, pelle e tessuti sofisticati, utilizzati per creare una sorta di ‘santuario’ chic nel cuore di Hong Kong.

credits

Owner
Wharf Hotels

Main Contractor
Foster + Partners

Hotel operator
Niccolo Hotels

Architecture/Interior design
Foster + Partners

Photo credits
The Murray