A Parigi, il futuro dell’ufficio

Nella Ville Lumière le novità per organizzare e arredare gli ambienti di lavoro, tra light office e home working, a Workspace Expo

Casala, Tonica collection by Favaretto & Partners
Casala, Tonica collection by Favaretto & Partners

Come stanno cambiando gli spazi di lavoro, il loro layout e l’arredamento? Come si sta trasformando il modo di lavorare, tra ufficio e casa? L’appuntamento per scoprire le novità del settore è Workspace Expo, la fiera parigina dal 5 al 7 ottobre nel centro fieristico Paris Porte de Versailles.
In mostra, le soluzioni per organizzare e personalizzare gli uffici, le reception, le meeting room, le sale dirigenziali, ma anche l’outdoor, le lounges, le caffetterie e gli angoli ristoro, le zone conviviali e l’home working. Non solo soluzioni d’arredo, ma anche sistemi di illuminazione, partizioni mobili e divisori, pannelli e cabine fonoassorbenti, fino al landscaping e alla decorazione.

Lapalma @ Workspace Paris
Lapalma @ Workspace Paris

Tanti i brand italiani presenti: Artek, Artemide, Caimi, Et Al, Fantoni, Faram, Unifor e Lapalma che propone collezioni flessibili e trasversali, pensate per adattarsi agli ambienti più dinamici e fluidi, anche temporanei e condivisi, per il light office fino all’home working. Tra le novità, la nuova seduta in legno Oiva di Antti Kotilainen, caratterizzata da un comodo schienale in multistrato curvato, abbinata al tavolo Ori di Romano Marcato, a doppia altezza (108 e 74 cm) e disponibile anche in una versione predisposta all’elettrificazione, con gambe che nascondono cavi e prese.

Sinetica

Nella Ville Lumière approda anche il Gruppo MIG – Mezzalira Investment, con le novità dei sei marchi del gruppo industriale veneto, cioè Jesse, Sinetica, Sitland, Rotaliana, Mascagni e Rexite, presentati in due aree diverse, all’interno dello stand del Gruppo, situato nel Padiglione 7.2 (G56-H57), ma anche in uno spazio speciale allestito dall’architetto Karl Petit, l’Espace Tendence, dominato dalla potenza ed eleganza del colore bianco. E ancora, tra i nomi Made in Italy, Estel che propone Squid, lo scrittoio ideato da Francesco Favaretto ed Estel Design rivolto all’home office, al quale può essere applicato un divisorio per creare un angolo di privacy.

Estel, Squid desk by Francesco Favaretto & Estel Design
Estel, Squid desk by Francesco Favaretto & Estel Design

Forte la presenza straniera in fiera: tra i tanti nomi presenti, Kettal, Moooi, Viccarbe, Vitra, Walter Knoll e Casala, azienda olandese che presenta la collezione di pouf contenitore e multifunzione Tonica, disegnato da Favaretto & Partners, che offre una seduta singola o doppia, la versione a isola, un piano d’appoggio per lavorare ovunque, e un pratico vano porta oggetti per tablet e riviste, anche con la possibilità di elettrificazione.