Less is more

Leggero, sottile, minimale: le regole del design per outdoor nascono da un pizzico di poesia e da virtuosi esercizi di sintesi che assicurano sempre funzionalità e praticità

Tribu, Nodi by Yabu Pushelberg
Tribu, Nodi by Yabu Pushelberg

Vivere en plein air si associa a una sensazione di libertà, di relax, di benessere e mai, come in questo periodo, lo “stare all’aperto” diventa una possibilità attraente per poter vivere momenti di tranquilla convivialità. Proprio allineandosi a questa idea e a questo scenario, le nuove creazioni per l’outdoor sono improntate a un’estetica di grande leggerezza.

Minotti, Fynn Outdoor by Gamfratesi
Minotti, Fynn Outdoor by Gamfratesi

Come quella della poltrona e delle poltroncine Fynn Outdoor di Minotti: il duo GamFratesi unisce i valori scandinavi con quelli della tradizione italiana con un progetto di alta ebanisteria. Il bracciolo, allungato e lievemente ricurvo, è interamente realizzato a mano: la sua linea precisa e definita identifica l’intera famiglia di arredi. La poltrona e le poltroncine sono costituite da una struttura essenziale in teak, con telaio intrecciato da corde effetto midollino di colore Fango.

Desalto, Strong by Eugeni Quitllet
Desalto, Strong by Eugeni Quitllet
Lapalma, Add by Francesco Rota
Lapalma, Add by Francesco Rota

Eugeni Quitllet per Desalto racconta come ha creato la collezione Strong che contrappone alla forza del nome la poesia di come è nata: «È l’idea di usare l’aria per dare forma a nuove idee, prendere la strada più breve per la soluzione attraverso una forma continua … Niente di più, niente di meno». Lo sgabello, il tavolino da bar e la sedia sono caratterizzati da un tubo in acciaio curvato, che diventa anima strutturale della collezione.

Disegno minimale ed elegante semplicità sono le caratteristiche principali del tavolo ADD T disegnato da Francesco Rota per Lapalma. Due o più tavoli possono essere anche accostati mantenendo una continuità di superfici, grazie alle due gambe esterne in alluminio che, una accanto all’altra, sembrano fondersi.

Expormim, Petale by MUT Design. Ph © Salva López
Davide Groppi, Origine by Davide Groppi & Giorgio Rava. Ph © Davide Groppi
Umbrosa, Spectra UX Cantilever
Expormim, Petale by MUT Design. Ph © Salva López
Davide Groppi, Origine by Davide Groppi & Giorgio Rava. Ph © Davide Groppi
Umbrosa, Spectra UX Cantilever
previous arrow
next arrow
 

La sedia Petale di Expormim nasce da una precisa richiesta fatta allo studio MUT Design per ridurre al minimo la gamma di materiali utilizzati, senza però rinunciare alla praticità. Ed ecco che il desiderio è stato esaudito: la seduta, dall’avvolgente schienale a forma di petalo, è realizzata con un tubo di acciaio inossidabile e tessuto. Le dimensioni sono state ridotte per adattarsi a spazi contract e grazie al fatto di essere impilabile, è facilmente trasportabile.

Delicata e non invasiva è anche l’illuminazione Origine di Davide Groppi (progetto di Davide Groppi e Giorgio Rava). È una luce dolce e avvolgente che parte dalla terra per arrivare al cielo ed è pensata, nella versione outdoor, per illuminare con purezza facciate di edifici privati.

È un ritorno all’essenza anche l’ombrellone Spectra UX dell’azienda Umbrosa, nato con l’obiettivo di utilizzare meno elementi possibili e solo materiali puri. Il modello Architecture è il più elegante, si basa sulle tonalità di grigio ed è capace di inserirsi perfettamente in ogni ambiente.

Janus et Cie, Anatra Modular by Patricia Urquiola
Tribu, Nodi by Yabu Pushelberg
Varaschin, Emma
Janus et Cie, Anatra Modular by Patricia Urquiola
Tribu, Nodi by Yabu Pushelberg
Varaschin, Emma
previous arrow
next arrow
 

Un giusto esempio di equilibrio tra leggerezza e durevolezza è rappresentato dalla collezione Anatra disegnata da Patricia Urquiola per JANUS et Cie. Si aggiungono alla linea sedute modulari e due nuovi modelli di poltrona lounge, tutti caratterizzati dal dettaglio della corda intrecciata a mano. La struttura in teak accoglie cuscini profondi per il massimo comfort all’aperto.

Arioso e dall’imbottitura ultra-morbida è il divano modulare Nodi di Tribu per il quale il designer Yabu Pushelberg ha pensato a un telaio in solido acciaio inox verniciato in polvere con un profilo basso. Grazie alla curva naturale della struttura e all’intreccio aperto in Canax®, il divano trasmette levità e adattabilità anche grazie ai tre elementi di seduta intercambiabili e alle quattro profondità.

Per un effetto cocoonig, Varaschin propone Emma Daybed Compact, arredo ideale per rilassarsi e per entrare in armonia con la natura circostante. Il motivo dell’intreccio caratterizza l’intera collezione Emma e trova nello schienale alto di questo daybed la sua massima espressione. 

Isimar, Bolonia
Isimar, Bolonia

Ispirata a una delle spiagge vergini uniche del sud della Spagna, la ricca collezione Bolonia di Isimar, elogio alla leggerezza, comprende sedute, divanetti e tavolini ed è realizzata in acciaio zincato, verniciato a polvere poliestere. I materiali utilizzati sono durevoli, adatti a un uso intensivo e resistenti agli agenti atmosferici, pertanto, sono perfetti per uso interno, esterno e contract.

Se oltre al relax si desidera pranzare o cenare all’aperto, la super compatta Roller Kitchen progettata da Massimo Castagna per Exteta – disponibile in due moduli, da 120 e 180 cm – mostra tutta la sua capacità di muoversi con praticità. La purezza dell’acciaio si sposa bene con il calore del legno e la maniglia in acciaio curvato rende il movimento ancora più fluido, donandole un tocco retrò.

Exteta, Roller Kitchen
Exteta, Roller Kitchen