Vivere all’aperto

Lo si può fare con ogni genere di comfort, senza trascurare davvero nulla, dalle strutture parasole, a lettini e sedie, da tappeti e ventilatori fino a lampade per esterno

Connect by Pratic - Photo © Arnaldo Di Vittorio
Connect by Pratic - Photo © Arnaldo Di Vittorio

L’idea è quella di vivere open air, con i vantaggi che offre l’esperienza, come la piacevolezza del paesaggio e la vista del cielo, eliminando completamente ogni piccola scomodità che lo stare all’aperto potrebbe comportare, come il troppo sole, il caldo o il buio, quando arriva la sera. Ecco allora i must have di cui si dovrebbero circondare gli amanti dell’outdoor, partendo dal macro per arrivare al micro.

Connect (in copertina) di Pratic è la prima pergola bioclimatica che riunisce l’essenza della vita open air con la piacevolezza di una totale privacy grazie alla tecnologia Spy Glass: vetrate che riflettono il panorama circostante sulle superfici della pergola, rendendo l’ambiente impenetrabile a uno sguardo proveniente da fuori. Dotata di una copertura con lame frangisole in alluminio – orientabili da zero a 140 gradi o retraibili fino a compattarsi in uno spazio ridotto – la pergola consente di regolare in modo naturale illuminazione, calore e ventilazione.

Resort by Paola Lenti Landscapes Collection, Design Metrica by Bruno Fattorini, Robin Rizzini - Photo © Paola Lenti
Resort by Paola Lenti Landscapes Collection, Design Metrica by Bruno Fattorini, Robin Rizzini – Photo © Paola Lenti
Noa Open Air by Meridiani, Design Andrea Parisio
Noa Open Air by Meridiani, Design Andrea Parisio

Resort, Paola Lenti Landscapes Collection (design Metrica by Bruno Fattorini, Robin Rizzini) è una struttura architettonica flessibile e modulare che può essere usata sia come un ampio parasole, sia per creare percorsi coperti articolati. La struttura è composta da profili sagomati in alluminio verniciato opaco, nei colori di collezione. L’appoggio a terra è in ghisa stampata, che viene verniciata nello stesso colore della struttura ed è dotata di piedini regolabili.

Il relax è anche offerto da divani, sedute, poltrone a partire dal lettino Noa Open Air che Andrea Parisio progetta per Meridiani e che trae ispirazione dalle pratiche brandine da outdoor. La corda in polipropilene si rifà alle funi utilizzate negli ormeggi delle imbarcazioni ed è sostenuta da una struttura in alluminio verniciato. È disponibile nella versione interamente intrecciata, oppure con la seduta in telo di Batyline.

Sunlight by KE
Click Zip Ghost 15 by Gibus
Emma Cross by Varaschin, Design Monica Armani
Sunlight by KE
Click Zip Ghost 15 by Gibus
Emma Cross by Varaschin, Design Monica Armani
previous arrow
next arrow
 

 

Sunlight di KE è un giardino d’inverno, una stanza outdoor studiata per ridisegnare gli spazi esterni, in perfetta simbiosi con l’ambiente circostante. Può essere integrata con molteplici tipologie di chiusure, vetrate scorrevoli Line Glass a tre vie o con il sistema di tende a caduta verticali Vertika Sunlight.  La novità principale di Sunlight consiste nel tetto in vetro stratificato da 10 mm, composto da traversi porta vetro realizzati in alluminio che lasciano ampia superficie alla parte vetrata.

Gibus presenta le nuove tende a caduta verticale Click Zip Ghost 15 che possono raggiungere addirittura i sette metri di larghezza e risultano invisibili quando sono completamente avvolte. Caratterizzate dal frontale completamente a scomparsa all’interno del cassonetto, queste proposte sono sviluppate per la completa integrazione nel blocco finestra, senza cassonetto né guide a vista.

Urban Balcony, disegnato da Meneghello Paolelli Associati per Unopiù, è un configuratore per terrazzi contemporanei. Il sistema è tecnicamente composto da una struttura modulare – fissata sia a parete sia a soffitto – che offre supporto a una serie di accessori: fioriere, vasi, armadietti, mensole, piano lavoro o postazione smart working, stendibiancheria, pannelli schermanti e coperture. Tutti gli elementi sono personalizzabili e configurabili, per rendere questo ambiente perfetto per svariate esigenze: mangiare, leggere, studiare, lavorare, stendere, prendersi cura di piante e fiori, riposarsi.

Il daybed compact Emma Cross di Varaschin con design Monica Armani presenta un ampio e scenografico schienale, sul quale si snoda un doppio intreccio in corda e in band, una fettuccia acrilica imbottita con un elegante ricamo centrale, disponibile in cinque colori. Ispirata alla corolla di un fiore e al colletto di una camicia, l’intera collezione è giocata su linee curve e avvolgenti, un motivo guida che si esprime al massimo in questo arredo.

Hashi by Gervasoni, Design Federica Biasi
Hashi by Gervasoni, Design Federica Biasi
Superfan by Kettal, Design Michael Anastassiades - Photo © Eirini Vourloumi
Superfan by Kettal, Design Michael Anastassiades – Photo © Eirini Vourloumi

Federica Biasi disegna per Gervasoni Hashi, una collezione composta da divano componibile e sedia a dondolo. Letteralmente ‘bacchette’ in giapponese, Hashi parte proprio da un sistema con struttura minimale e rigida che ricorda lo strumento orientale da cui prende il nome. La rocking chair, con struttura in iroko e scocca in acciaio con trattamento per esterno, è rivestita con tessuto Accardi sostenibile, leggero ed impermeabile e lavorato attentamente da artigiani tessitori.

Superfan è il ventilatore tripala che Michael Anastassiades progetta per Kettal la cui geometria è definita semplicemente da tre pale angolate che si incontrano sull’asse di rotazione. Tutte le decisioni progettuali sono state prese per massimizzare le prestazioni e migliorare l’efficienza: l’angolo delle pale, la leggerezza del materiale in alluminio e la scelta del motore, per un controllo accurato della velocità e un funzionamento silenzioso.

Fiore by JANUS et Cie
Twins by EMU, Design Sebastian Herkner
Hi 'n Dri by Perennials Fabrics and Rugs
Diamond by GAN, Design Charlotte Lancelot
Fiore by JANUS et Cie
Twins by EMU, Design Sebastian Herkner
Hi 'n Dri by Perennials Fabrics and Rugs
Diamond by GAN, Design Charlotte Lancelot
previous arrow
next arrow
 

 

La collezione Fiore si amplia con sedute e divani JANUS et Cie e presenta sei nuovi prodotti: la poltrona, la sedia, la chaise lounge con braccioli, il pouf, il divano tre posti e il tavolino ovale 60. La linea Fiore presenta un profilo contemporaneo, con un gentile richiamo ai mobili antichi, schienali incrociati e braccioli elegantemente lavorati. Realizzati in robusto alluminio con finiture idrorepellenti JANUScoat™ e sedute in tessuto polivinilico, i pezzi Fiore sono disponibili in cinque combinazioni di colore.

Twins nasce dalla consolidata collaborazione di EMU con Sebastian Herkner. La collezione gioca con la materia, in essa sono racchiuse due versioni gemelle ognuna con la propria identità. La prima interamente in teak FSC 100%, semplice e naturale, l’altra, originale e più individuale, frutto di un interessante material-mix tra il teak e una delle componenti principali dei prodotti EMU: l’alluminio. In questa versione, i bordi in alluminio sottolineano le forme, creando una perfetta armonia con la struttura in teak. 

Perennials Fabrics and Rugs, leader nel settore tessile di lusso, lancia Hi ‘n Dri, una collezione di materiali per imbottiti ad alte prestazioni, ideale sia per uso interno che esterno. Hi ‘n Dri offre una selezione di materiali simili alla pelle e disponibili in nove varianti colore, realizzati con poliuretano 100% policarbonato.

Non si possono tralasciare i tappeti con la collezione Diamond di kilim per esterni che Charlotte Lancelot progetta per GAN. L’idea è quella di ricreare un diamante colorato dalle mille sfaccettature, ottenuto sovrapponendo forme geometriche diverse. Ogni pezzo fatto a mano è realizzato al 100% in PET riciclato e può essere combinato con altri prodotti GAN per creare spazi esterni su misura.

Kissi by Babel, Design Denis Barbiero
Kissi by Babel, Design Denis Barbiero
Woody by Ethimo, Design Marc Sadler
Woody by Ethimo, Design Marc Sadler

Le linee e i colori ispirati all’estetica Bauhaus della collezione Kissi di Denis Barbiero per Babel abbinano la struttura in acciaio a un’elegante finitura in corda sintetica, che disegna lo schienale delle sedie e delle poltroncine. Tutta la collezione gioca sull’alternanza di semplicità e complessità: la ricerca sui dettagli e le finiture rende ogni arredo Kissi un ibrido, adatto sia agli interni che agli esterni.

Per quanto riguarda il comfort luminoso abbiamo diversi tipi di illuminazione. Woody è la lampada creata da Ethimo e Marc Sadler per donare luce soffusa a giardini e terrazze, nelle ore serali.  Realizzata interamente in teak naturale ha una doppia lampadina a LED a luce calda, un sistema di alimentazione cablato ed è alta 152 cm. La struttura a treppiede regge un paralume il cui volume prende vita da un fitto ‘ritmo’ di listelli che filtrano e diffondono la luce attraverso le fessure, creando scenografici effetti luminosi.

FLIA by Luceplan, Design Alessandro Zambelli
FLIA by Luceplan, Design Alessandro Zambelli
Spine by Flos, Design Vincent Van Duysen
Spine by Flos, Design Vincent Van Duysen

FLIA è una famiglia di luci estremamente versatile che Alessandro Zambelli ha pensato per Luceplan. La versione portable con uno stelo si presta al suo più completo nomadismo funzionale. La miniaturizzazione della fonte luminosa è il punto cardine del progetto. Lo stelo, in carbonio, è sostenuto da un cilindro contenente il cuore pulsante e conferisce alla lampada resistenza, leggerezza e flessibilità.

Spine di Flos è un progetto di Vincent Van Duysen e illumina la Solo House degli architetti Mauricio Pezo e Sofia Von Ellrichshausen. Questa residenza fa parte di una serie architettonica sperimentale di case sparse in un parco naturale nell’est della Spagna. Spine esalta il linguaggio drammatico dell’architettura, evidenziandone la simmetria e la precisione.