Like being at home

Sommando i servizi di un boutique hotel al comfort di un appartamento si ottiene un nuovo concept di ospitalità: ROOST East Market, il nuovo Apartment Hotel di Philadelphia

ROOST East Market, Philadelphia - Photo © Matthew Williams
ROOST East Market, Philadelphia - Photo © Matthew Williams
DATA SHEET

Owner: Method
Architecture & Interior design: Morris Adjmi Architects
Furnishings: Chelsea Textile, Gubi, Cassina, Diesel Living, Stellar Works, Stolab, Uhuru; custom designed burnished brass side tables, freestanding sideboards, leather-clad desks, leather sofas and sectionals
Lighting: Anglepoise, Gubi, Lumina, Original BTC, Stone and Sawyer, Workstead
Vintage Lilihan rugs: Old New House
Photo credits: Matthew Williams

L’idea di trascorrere periodi più o meno lunghi lontani da casa, per lavoro o per altre motivazioni, comporta un’interruzione delle proprie abitudini e della routine quotidiana e un conseguente disagio dettato da questo allontanamento. La società Method Co., con sede a Philadelphia, vuole offrire ai propri clienti la possibilità di sentirsi come a casa (o ancora meglio) grazie ai ROOST Apartment Hotel. Si tratta di appartamenti di diversi tagli e tipologie, dai monolocali agli appartamenti con una o due camere da letto, fino alle penthouse, ben arredati, curati nell’illuminazione e nei dettagli e arricchiti con opere d’arte.

L’ultimo nato (nel 2019) è il ROOST East Market con 60 appartamenti a Philadelphia, a pochi passi dalla City Hall e dal Philadelphia Convention Center. È il terzo progettato dopo ROOST Midtown con 27 appartamenti e ROOST Rittenhouse con lo stesso numero di appartamenti, una lobby comune e varie offerte per la ristorazione. Lo studio di New York Morris Adjmi Architects si è occupato in questo caso sia del progetto di interior design, sia del nuovo edificio di 25 piani di altezza.

I 60 appartamenti del ROOST East Market, di differenti dimensioni, si distinguono per linee pulite, dettagli delicati, ambienti luminosi, uso del legno e una palette di colori caldi. Per la scelta dell’arredo si va da pezzi personalizzati o vintage al design più classico o moderno, con lampade Stones & Sawyer dello studio Workstead, credenze e console ispirate al minimalismo senza ornamenti dell’artista statunitense Donald Judd, elementi in vimini, arredi di Cassina, Chelsea Textiles, Gubi e Stellar Works.

L’atmosfera è resa domestica anche dall’inserimento di tappeti persiani nelle camere e opere d’arte delle gallerie Lumas. Quello che fa la differenza non è solo il fatto di sentirsi a casa, ma anche la possibilità di avere ulteriori servizi e spazi comuni, tra i quali un’ampia hall a piano terra con giardino verticale, un’area relax, terrazze panoramiche, orti, barbecue, una piscina olimpionica riscaldata di 20 metri, un centro fitness aperto 24 ore su 24, una biblioteca, un salone, una demo kitchen e una sala di proiezione privata.

Nessun aspetto è lasciato al caso, neppure la posizione del complesso, ai margini di Midtown Village, in una strada caratterizzata da un eclettico mix di ristoranti e boutique, con un affaccio sul leggendario Reading Terminal Market, uno dei mercati pubblici più grandi e antichi d’America, oggi meta preferita dei buongustai.