Giorgetti presenta GM

L'azienda di Meda introduce il nuovo format editoriale cartaceo e digitale, uno spazio culturale, una piattaforma attenta alla contemporaneità, un luogo di scambio, di relazione e di risonanza

GM by Giorgetti - Mantova - Photo © Giorgio Possenti

Le luci si accendono su Mantova: qui, in giro per la piccola capitale che piace al mondo, si addentra tra architettura e pasticceria Stefano Baia Curioni, con Cino Zucchi e Guia Soncini. Inizia così il primo numero di GM, il nuovo format editoriale, cartaceo e digitale, presentato durante la design week milanese da Giorgetti.

Uno spazio culturale, una piattaforma attenta alla contemporaneità, un luogo di scambio, di relazione e risonanza, dove GM è la fusione di G, l’iniziale di Giorgetti Group, ed è M di Magazine, medium di osservazione e indagine della società, di persone, progetti, oggetti, storie dipinte, pensate, costruite, o solo immaginate.

GM by Giorgetti - Photo © Giorgio Possenti

“GM” dice Cristiana Colli, direttrice della testata coordinata da Francesca Molteni (Muse Factory of Projects), “nasce col bianco, quello della facciata di Via Manzoni 20 a Meda, quello della carta che accoglie l’immagine, la scrittura e il progetto, quello lattiginoso dello schermo, porta dell’etere, accesso a device striati e mutevoli. Nasce per la cura che converte la risorsa originaria in progetti, icone, oggetti di appartenenza; e nasce come dono che si rinnova con lo sguardo d’autore, dispositivo di una singolare forma di collezionismo”.

Un’antenna selettiva, una piattaforma attenta, un luogo dello scambio, della relazione e della risonanza, come continua la direttrice: “Un hub di visioni e intuizioni disegnate, raccontate, analizzate; un lab di sperimentazioni e accoglienze diverse; uno storage dinamico di archivi e tassonomie che connettono esperienze, energie, geografie”.

GM by Giorgetti
GM by Giorgetti

Un nuovo format editoriale che va a completare un ampio e articolato progetto culturale fatto di programmi di valorizzazione dell’archivio storico e riedizioni, di eventi e pubblicazioni come quelle monografiche delle Mostre Giorgetti (Matite, Posate, Segnalibro) a cura di Marco FerreriLe Macchine Volanti di Corradino D’Ascanio curate da Massimo Scolari, la pubblicazione e mostra itinerante Object to Project nel 2018 per i 120 anni del brand.

“Gli accadimenti di questo periodo ci hanno dato l’opportunità di pensare e plasmare la nostra rotta lungo strade non scontate”, spiega Giovanni del Vecchio, CEO del Gruppo Giorgetti. “Senza distorcere o forzare la nostra natura che si è formata in 123 anni di oggetti e progetti, sentiamo la necessità di evolvere sensibilità e modi della sostenibilità, molto oltre i paradigmi formali e funzionali.”

GM by Giorgetti - Illustration by Gianluca Folì
GM by Giorgetti - Illustration by Gianluca Folì
GM by Giorgetti - Illustration by Gianluca Folì
GM by Giorgetti - Illustration by Gianluca Folì
GM by Giorgetti - Illustration by Gianluca Folì
GM by Giorgetti - Illustration by Gianluca Folì
previous arrow
next arrow
GM by Giorgetti

“Progettare e pubblicare un Magazine cartaceo e digitale, per latitudini e culture diverse, appartiene a una visione ampia della nostra missione che ha necessità, oltre che passione, di tessere dialoghi di ricerca e innovazione che guardano dentro alle nostre mura con gli occhi di altri, e soprattutto guardano oltre, per essere allineati al presente e capaci di intercettare il futuro. GM si legge e si colleziona, è anche un dono alla nostra community, ogni numero è un progetto speciale, un segno d’autore per la nostra community”.

Progetto grafico: Dario Zannier
Illustrazioni: Gianluca Folì
Servizio fotografico del Photo Journal: Giorgio Possenti