Karman: oltre i confini della luce

Nuovi racconti progettuali prendono vita dalla sperimentale creatività di Karman e dei suoi designer. Sculture di luce che offrono una nuova, più immaginifica, visione della realtà

Circus by Karman, Design Matteo Ugolini & Edmondo Testaguzza
Circus by Karman, Design Matteo Ugolini & Edmondo Testaguzza

“Accendi una luce e tutto appare visibile. Accendi una luce Karman e tutto appare diverso, magico”. Occorrono poche parole all’azienda per raccontarsi; altresì poche parole bastano per comprendere la filosofia che permea le sue creazioni. L’azienda – tutta italiana, nata nel 2005 a Fossombrone, nel cuore delle Marche – ha saputo dare un senso compiuto e fuori dagli schemi al concetto di “uso decorativo della luce”, un concetto che bilancia perfettamente lo scopo funzionale dell’illuminazione con una marcata originalità espressiva – fatta di sperimentalismi materici, audacia stilistica, superamento degli stereotipi. Quel senso di incantata atmosfera che avvolge lo spazio e cattura lo sguardo ne è la risultante. Si viene catapultati in un mondo in cui gli animali in ceramica brillano di vita; oggetti del quotidiano trovano nuova, quanto più luminosa, esistenza; forme archetipiche vengono reinterpretate per offrire una nuova visione di sé e di quanto le circonda.

“Ogni volta una diversa storia diventa il filo conduttore di un nuovo progetto – racconta l’Art Director Matteo Ugolini – La luce è fonte continua di ispirazione, elemento impalpabile che permette di vestire gli ambienti”.

Moonbloom by Karman, Design Matteo Ugolini
Moonbloom by Karman, Design Matteo Ugolini
Moonbloom by Karman, Design Matteo Ugolini

Così anche la classicità viene messa in discussione, amalgamata con i canoni contemporanei; lo stesso decorativismo supera i suoi confini per abbracciare un’accezione architetturale: è quanto accaduto con Moonbloom, il nuovo sistema di sospensioni e plafoniere firmato Matteo Ugolini. Da un grande rosone barocco in gesso bianco a motivi floreali pende un sottile cavo che porta all’estremità uno o due coni in alluminio nero; l’unione di questi estremi stilistici genera una sospensione architetturale che vive singolarmente o in composizioni, integrata discretamente nella cornice scenica tanto da passare (quasi) inosservata. Il rosone può essere verniciato in differenti colorazioni, trasformandone così l’effetto espressivo.

Circus by Karman, Design Matteo Ugolini & Edmondo Testaguzza

E se “ogni volta una diversa alchimia accompagna Karman nell’inventare nuove sculture di luce”, per citare Davide Diamantini, CEO di Karman, allora Circus apre un nuovo capitolo progettuale grazie alle contaminazioni da cui prende vita. Questa linea di tre sospensioni in vetro soffiato, ideata da Matteo Ugolini ed Edmondo Testaguzza, mostra una lavorazione a filigrana bianca “tessuto” da cui scaturiscono incantevoli effetti di luce. Per giungere a tale effetto, i designer hanno attinto da un’antica tecnica risalente al XVI secolo, che prevede l’avvolgimento e l’allungamento di strisce di vetro bianco latte sulla superficie del vetro fuso prima di soffiarlo.

Circus by Karman, Design Matteo Ugolini & Edmondo Testaguzza

Ecco quindi crearsi morbide fasce a motivo contrastante che evocano sorprendentemente l’immagine dei tendoni del circo, da cui il nome della collezione. Ogni elemento di Circus è quindi un pezzo unico, proposto in tre modelli di differenti dimensioni, a creare originali composizioni.

Essere, stupire, creare. Sperimentare, osare, innovare. Questo è il vocabolario di Karman per mostrare una visione del mondo attraverso una nuova luce.

Scarica qui il catalogo delle novità.
Per approfondimenti e informazioni contatta Karman a questo link.