L’energia che corre

Tra cemento e colore viaggiano le ‘saette’ luminose di Martinelli Luce all’interno del quartier generale di Autodesk a Dublino. Progettato dallo studio Henry J Lyons&Partners all’insegna della connessione vivace tra spazi e persone

Autodesk, Dublin - Photo © Donal Murphy
Autodesk, Dublin - Photo © Donal Murphy

Affacciato sui Docklands del fiume Liffey, a Dublino, e distribuito su una superficie di 4.500 metri quadrati, il quartier generale di Autodesk è l’emblema del dinamismo. Le sale per la formazione e le grandi aree multifunzionali al primo livello possono essere riadattate in base alle esigenze del momento. E anche al secondo livello, dove si trova la reception principale, interagiscono tra loro una sala riunioni VIP, un ampio ufficio open space e la zona break.

Autodesk, Dublin - Photo © Donal Murphy

Il design di interni accompagna visivamente l’azione fisica e mentale grazie al contrasto tra cemento e colore: linee geometriche e graffiti dai toni vivaci attraverso i quali corrono percorsi di luce composti dal sistema Colibrì di Martinelli Luce.

Autodesk, Dublin - Photo © Donal Murphy

Il processo delle idee sembra diventare materia con le linee a zig-zag che si sviluppano lungo i corridoi degli uffici come lampi luminosi e che si dipanano generando composizioni dal carattere fortemente tridimensionale. Con il risultato di un’illuminazione diretta lungo i corridoi in cui sono state installate.

Autodesk, Dublin - Photo © Donal Murphy

Le linee-moduli sono agganciate le une alle altre grazie a un sistema magnetico disegnato da Emiliana Martinelli che consente di sviluppare infinite composizioni dalle forme più varie. I magneti, posti alle estremità, permettono di unire tra loro più elementi, dando vita a figure leggere ed esteticamente gradevoli senza limiti di angolazione.

Autodesk, Dublin - Photo © Donal Murphy

Il sistema è stato ampliato nel 2020 con nuovi elementi e accessori per il fissaggio, anche a parete oltre che a soffitto, tramite supporti che ospitano lo snodo magnetico. Oltre alla possibilità di avere un solo cavo di alimentazione per tre elementi luminosi, per una struttura ancor più pulita e leggera.

Autodesk, Dublin - Photo © Donal Murphy

Photo © Donal Murphy