Tanti auguri cc-tapis!

Il brand di tappeti festeggia i primi dieci anni con una campagna fotografica negli hotel di Milano, un manifesto, un e-commerce e tante nuove collaborazioni

cc-tapis, One Night in Milan, Nelcya Chamszadeh, Fabrizio Cantoni e Daniele Lora©Piotr Niepsuj
cc-tapis, One Night in Milan, Nelcya Chamszadeh, Fabrizio Cantoni e Daniele Lora©Piotr Niepsuj

Cc-tapis, il brand nato nel 2011 e specializzato nella produzione di tappeti annodati a mano in Nepal, contemporanei e originalissimi, soffia le sue prime dieci candeline.

«Ci siamo incontrati dieci anni fa a Milano e in modo molto incosciente ci siamo lanciati nell’idea di fare tappeti nuovi», affermano i fondatori Nelcya Chamszadeh, Fabrizio Cantoni e Daniele Lora. La scintilla scocca molti anni prima, dall’incontro di Nelcya e Fabrizio, che poi formeranno una vita nel lavoro e nella vita, da qui il monogramma “cc” come le iniziali dei loro cognomi. Da Strasburgo, dove avevano un negozio, Nelcya e Fabrizio si trasferiscono a Milano e incontrano Daniele Lora, scatta l’affinità elettiva. Il resto è ormai storia.

«Ci contraddistingue da sempre la leggerezza, anche quando facciamo le cose serie», raccontano i tre, con il sorriso e gli occhi brillanti colmi di nuove idee. «Siamo arrivati a Milano pensando di vendere tappeti a Milano, non è successo (ridono, ndr), ma questa città ci ha dato tantissimo, ci ha permesso di aprirci alle collaborazioni interessanti, come quella con Patricia Urquiola, una delle prime che ha creduto in noi».

cc-tapis, 10 Years Campaign, One Night in Milan, Visioni by Patricia Urquiola ©Piotr Niepsuj
cc-tapis, 10 Years Campaign, One Night in Milan, Visioni by Patricia Urquiola ©Piotr Niepsuj

Ed è proprio a Milano che dedicano, in occasione dell’anniversario, One Night in Milan, la nuova campagna pubblicitaria fotografica scattata da Piotr Niepsuj con l’art direction curata da Apartamento Studios, realizzata in tre hotel milanesi con dieci tappeti, uno per ogni anno. L’idea, prosegue Daniele, «era quella di fare una sorta di acting di tappeti in varie stanze di hotel cittadini, da quelli a una stella di Via Porpora ai grandi alberghi di lusso, poi questo progetto è rimasto in un cassetto per tutti questi anni, ci è sembrato bello realizzarlo per celebrare il nostro decimo compleanno». 

cc-tapis, 10 Years Campaign, One Night in Milan, Eyes in Chains by Federico Pepe ©Piotr Niepsuj
cc-tapis, 10 Years Campaign, One Night in Milan, Eyes in Chains by Federico Pepe ©Piotr Niepsuj

Il brand presenta inoltre il loro manifesto, che non è un programma, ma una dichiarazione d’amore verso l’arte dei tappeti taftati a mano (Nelcya eredita questa passione dal padre, maestro di tappeti persiani), riletti con brio, freschezza, contemporaneità, sostenibilità.

Tra le novità, l’e-commerce, dove raccontare capsule ad hoc e prodotti in esclusiva, e  tante nuove collaborazioni, come con Bethan Gray, Bethan Laura Wood, Cristian Mohaded, Muller Van Severen, Edoardo Piermattei (classe 1992), Patricia Urquiola, India Mahdavi, e anche con altri brand, come gli americani di Apparatus e Maison Matisse by Cristina Celestino.