Talenti, la casa del futuro

Passa dalla storia il domani di Talenti, il nuovo quartier generale dell’azienda della famiglia Cameli è la sintesi tra il saper fare impresa e il saper amare il proprio lavoro

L’ex sede dello storico pastificio Federici, il territorio accanto (collina compresa), 80.000 mq di cui 20.000 coperti, un investimento di 6 milioni di euro: questi i numeri che sintetizzano il progetto Talenti per un headquarter ideato dall’architetto Filippo Cagnotto che sa di inclusività ed esclusività al tempo stesso. La fabbrica e la natura, il lavoro e la socialità. Questi i temi dominanti di un concept d’avanguardia che descrive il carattere di Fabrizio Cameli e, per induzione, della sua famiglia: ambizione e accoglienza, prudenza e coraggio, determinazione ed energia.

La torre è la licenza concessa dalla famiglia all’architettura concettuale: vuota, aperta, luminosa. Ma è un faro leggibile da lontano, un invito a scoprire cosa c’è dentro e attorno.
E poi gli uffici, lo shorwroom, gli spazi per lo sport, un’area per i bambini e una per il relax, l’allevamento di cavalli, la collina e le coltivazioni. Non proprio una sede qualsiasi.

Talenti arriva da anni di crescita costante e importante. Il 2020 ha visto l’azienda sfiorare i 20 milioni di fatturato e segnare un +26%.
Il risultato è frutto di una scelta legata alla programmazione: mentre il settore del mobile mediamente guardava fuori dalla finestra tra lamenti e attese sul Salone sì/Salone no/Salone quando?, Fabrizio Cameli ha investito sulla riapertura estiva e ha fatto trovare pronta l’azienda per le consegne tra maggio e giugno, quando il mondo dell’hospitality è ripartito.

Detta così sembra una passeggiata in pianura, invece si è trattato di investire sulla produzione senza avere ancora gli ordini nel cassetto. Visione, anche un po’ di buona sorte, ma sicuramente visione. La crescita dell’azienda parla decine di lingue ed è ormai sviluppata a tutte le latitudini: oltre all’area project e hospitality, ci sono 400 rivenditori in 47 Paesi.

Tutta la famiglia Cameli Luana, Federica ed Edoardo – è armonizzata verso un’unica direzione, quella tracciata da papà Fabrizio: commerciale, marketing, risorse umane, amministrazione e finanza hanno lavorato e lavorano all’unisono.
Il nuovo headquarter rappresenta la summa di questo modo di lavorare e intendere l’impresa. La nuova Casa Talenti si vede da lontano e da lì si guarda molto lontano.