State-of-art Edition: equilibrio di stile

Interni puliti e visivamente comunicanti, armonia di forme e proporzioni. State-of-art Edition è l’appartamento realizzato da YODEZEEN che mette al centro, oltre l’arte, classici contemporanei e dettagli stile Impero

State-of-the-art Edition, Kiev
State-of-the-art Edition, Kiev
DATA SHEET

Interior design: YODEZEEN
Furnishings: B&B Italia, Giorgetti, Henge, Minotti, Poliform 
Lightings: Cameron Design House, Flos
Photo credits: Andrii Shurpenkov

Disposto su un unico piano di oltre 250 metri quadrati, questo appartamento situato nel quartiere storico di Lypky a Kiev ricalca la tendenza architettonica della zona mescolando elementi Art Déco e stile Impero con l’eleganza e il gusto del design made in Italy.

Gli architetti Artur Sharf e Artem Zverev di Yodezeen hanno fatto del dettaglio, compositivo e materico, il leitmotiv dell’estetica generale dello spazio, stemperando lo scenario cromatico sulle necessità di ricercatezza e leggerezza, attraverso sfumature di grigio, bianco e nero, materiali di pregio e incursioni artistiche. Essendo infatti il cliente un collezionista di arte ucraina, i dipinti di Viktor Sydorenko e le sculture di Nazar Bilyk hanno trovato una collocazione strategica qualificando il setting di preziosa creatività.

State-of-the-art Edition, Kiev
State-of-the-art Edition, Kiev

La pianta aperta della zona giorno unifica cucina e soggiorno. L’assenza di divisioni strutturali amplia visivamente lo spazio e qui, in particolare, ammette un affascinante campo lungo esterno che abbraccia anche la vista della statua della Madre Patria, il monumento più alto dell’Europa orientale.

State-of-the-art Edition, Kiev
State-of-the-art Edition, Kiev

L’accento principale della cucina nude è nella finitura della parete centrale e dell’isola realizzata con pietra naturale Silver Roots. Il soffitto e le pareti sono impreziositi dalle modanature decorative in stile Impero, che conferiscono un tono antico allo spazio altrimenti contemporaneo. Il divano, le poltrone e i tavolini del soggiorno sono di Minotti, gli sgabelli da bar di Poliform e il tavolo da pranzo di Henge, sopra il quale serpeggia la lampada Inari di Cameron Design House, realizzata su misura per conferire un tocco distintivo e concettuale all’ambiente conviviale.

Il pavimento scuro si interrompe all’inizio del corridoio che conduce alle due camere da letto e ai tre bagni rimodulando il suo schema a spina di pesce su lastre di pietra separate da inserti decorativi in ​​ottone. Le tonalità tenui degli arredi si avvicendano alle partizioni in vetro grafite e in legno, e alle superfici di marmo e pietra.

Queste ultime diventano scelta sofisticata e prevalente nei bagni, il cui impiego coinvolge pareti, pavimenti e, nel bagno degli ospiti, anche il lavabo totemico freestanding realizzato in pietra di fiume. Sono regni impreziositi da dettagli ottonati e illuminazione scenografica, facilmente traguardabili dalle stanze con le quali condividono l’atmosfera ricercata ma in una diversa combinazione di luci, texture ed elementi di finitura. 

State-of-the-art Edition, Kiev
State-of-the-art Edition, Kiev
State-of-the-art Edition, Kiev

Anche per le zone notte gli architetti hanno attinto al repertorio italiano inserendo nella camera degli ospiti oggetti illuminanti Flos e letto e comodini di B&B Italia, mentre in quella matrimoniale le poltrone di Giorgetti.

State-of-the-art Edition, Kiev
State-of-the-art Edition, Kiev
State-of-the-art Edition, Kiev