Porro in Cina: quando lo showroom è una casa

Il marchio Made in Italy rinnova il monobrand di Shanghai con il designer Kevin Hsu. L'effetto è quello di una grande villa contemporanea, con un gusto e stile vicini al pubblico asiatico

Tre anni dopo l’apertura ufficiale del proprio monobrand di Shanghai in collaborazione con Fuyicasa, Porro rinnova completamente il proprio showroom “manifesto” in Cina affidandone il progetto all’architetto e interior designer asiatico Kevin Hsu, design director e partner di uno degli studi più influenti di Shanghai, KRT Architecture.

Kevin Hsu ha studiato il nuovo layout a quattro mani con Porro e con Piero Lissoni, art director Porro dal 1989, reinterpretandone la visione di casa con un gusto e uno stile vicini al pubblico asiatico: una grande villa contemporanea di mille metri quadrati dove le pareti, completamente rivestite dai sistemi Porro, sembrano sparire e gli arredi diventano architettura.

Il monobrand di Porro a Shanghai, ripensato da Kevin Hsu
Il monobrand di Porro a Shanghai, ripensato da Kevin Hsu

«È stato un onore poter progettare lo spazio espositivo Porro di Shanghai», racconta Kevin Hsu, «sono da sempre familiare con questo brand e la collaborazione si è sviluppata in modo fluido. Lo Showroom Porro è stato volutamente progettato per uscire dallo stereotipo della “mostra”: il concept centrale è stato quello della “casa” con atrio, corridoio, spogliatoio, soggiorno principale e camera da letto padronale, che abbiamo evocato attraverso la progettazione del colore, dell’illuminazione, dei flussi tra gli spazi, del design di ogni sistema cosi come della combinazione di arredi Porro. Questi componenti hanno consentito ad uno spazio commerciale di trasformarsi in uno spazio familiare integrato e moderno, creando uno luogo desiderabile dove tutti possano entrare respirando un senso di calma e di agio».

previous arrow
next arrow
Slider