Riscoprire la lentezza

La pandemia ha rallentato i ritmi. Un bene, secondo Ercole Salvioni, Presidente Salvioni Design Solutions: “Gli showroom faticano a seguire il ritmo frenetico delle novità e del ricambio dei modelli”

Ercole Salvioni
Ercole Salvioni

Molte aziende quest’anno non presentano novità, ma restyling e aggiornamenti. Come state riorganizzando le vostre proposte, in mancanza di nuove collezioni?

Questo a nostro giudizio non costituisce un problema, ma una buona occasione di ripensare il sistema. È ormai opinione ampiamente condivisa anche tra i produttori che il ritmo troppo frenetico di presentazione delle novità fosse in realtà un punto di debolezza di tutto il mercato. A differenza della moda, il ciclo di vita di un prodotto di arredo non è tarato certo su una durata annuale: con i ritmi precedenti gli showroom faticavano molto a seguire il ritmo frenetico del ricambio dei modelli e delle novità.

Salvioni Milano Durini
Salvioni Milano Durini

L’annullamento del Salone del mobile come ha inciso sulle vostre vendite e sui contatti, anche internazionali?

Da quando abbiamo aperto degli showroom a Milano, il Salone non è mai stato per noi un momento direttamente commerciale, quanto più un appuntamento dedicato alla promozione in senso lato. Negli anni passati abbiamo registrato un altissimo afflusso di visitatori nei nostri negozi, specialmente in via Durini, dai quali è però difficile monitorare con precisione un ritorno di vendite nel corso dell’anno. Più che la mancanza del Salone in sé, ci preoccupa l’inevitabile calo di visitatori internazionali a Milano durante tutto il resto dell’anno.

Qual è lo stato di salute del mercato dell’arredamento a Milano?

Difficile a dirsi. Nei mesi di chiusura forzata è stata ovvia ed inevitabile una grande riduzione delle vendite, mentre quello che succederà nel prosieguo dell’anno dipenderà molto probabilmente dagli sviluppi della situazione sanitaria. Vediamo anche da parte dei clienti molto interesse e molta voglia di ripartire, se il contenimento dell’epidemia dovesse funzionare ci sono anche elementi per un cauto ottimismo.

Salvioni Milano Durini
Salvioni Milano Durini