Pedrali, racconti d’autore

#PEDRALITALES è la nuova campagna pubblicitaria, on air da marzo, che immortala negli scatti di Andrea Garuti le nuove collezioni indoor e outdoor di Pedrali. Una narrazione tra bucolico e fiabesco, in un dialogo ininterrotto tra natura, architettura e design

Soul Outdoor, design Eugeni Quitllet
#PEDRALITALES, art direction Studio FM, photo Andrea Garuti

Tribeca, design CMP Design

Non iniziano con il tradizionale “C’era una volta…” che apre a mondi fiabeschi, ma i Racconti in cui Pedrali ci trasporta con la fantasia hanno la stessa carica emozionale e immaginifica. #PEDRALITALES, la nuova campagna pubblicitaria 2020 dell’azienda, sfrutta il potenziale narrativo dell’immagine per evocare storie inattese che intrecciano design, architettura e natura: le collezioni indoor e outdoor sono parimenti i personaggi che si muovono nel racconto, ambientato in una terra selvaggia e incontaminata del Portogallo, dove la presenza dell’uomo emerge solo nella sua forma più rappresentativa, quella di un’abitazione. Curato dallo Studio FM, con la consulenza di Studio Salaris per lo styling, il progetto si esprime in otto scatti, firmati dal fotografo fiorentino Andrea Garuti – quattro destinati a scene en plain air, altrettanti invece indoor.
#PEDRALITALES è espressione quindi del lifestyle del brand, in cui dominano eleganza, freschezza, leggerezza, contemporaneità, in un dialogo continuo tra interno ed esterno, natura e spazi abitativi. Da qui la scelta di ambientare il racconto in una location d’eccezione come Casa 3000 (progetto dello studio Rebelo de Andrade), un’architettura archetipica circondata da una distesa di querce di sughero e pini marittimi di Alcácer do Sal, nella regione dell’Alentejo. La bellezza rasserenante dell’essenzialità diviene tema comune dei racconti, intesa nel suo aspetto naturalistico, formale (geometrie pure degli elementi incontrano il ricercato minimalismo dei prodotti Pedrali) e perfino cromatico (dominano il rosso della casa, il blu del cielo, il verde del paesaggio).

Tribeca, design CMP Design

Collezione Reva, design Patrick Jouin

Tavolo Babila e poltrone Jamaica,
design CMP Design

Perfettamente rappresentativo, il ‘quadro d’autore’ con protagonista Soul Outdoor, poltrona nata dalla creatività da Eugeni Quitllet: la purezza del tratto che disegna la seduta in primo piano (una struttura in tubo di alluminio curvato che cinge un sedile con doghe in teak sagomate) esplode amplificandosi nella scenografia retrostante, in cui le tinte accese e sature ne accentuano le linee nette e semplici. Incluse quelle che definiscono il tavolo Concrete (design Pio e Tito Toso) connotato da base in cemento e colonna in acciaio, che completa l’ambientazione.
Gli spazi outdoor trovano ulteriore valorizzazione grazie alla collezione Tribeca, progettata dallo studio CMP Design, soggetto di ben due scatti in cui trionfa la linearità e un gioco di piani orizzontali e verticali, in perfetta simbiosi con le sedute, contraddistinte da un solido telaio tubolare unito al profilo in materiale plastico ordito verticalmente.
Forme ben più arrotondate e morbide si stagliano nell’orizzonte verdeggiante: è la collezione RevaCome le folte chiome arrotondate delle querce sullo sfondo poggiano su esili ma saldi tronchi, così i suoi avvolgenti cuscini trovano sostegno sulla sottile cornice della base in allumino.

Soul Outdoor, design Eugeni Quitllet

Remind, design Eugeni Quitllet

E sono le medesime forme curvilinee e arrotondate che ci accompagnano a scoprire anche le collezioni indoor, disposte in un interior caldo e omogeneo, in continua relazione con l’esterno attraverso grandi finestre che lasciano entrare luce e natura. Ecco allora imporsi all’attenzione Remind: Eugeni Quitllet reinterpreta le tradizionali sedute in legno della seconda metà del XIX Secolo puntando sul binomio comfort e leggerezza, adottando il polipropilene e inserendo una texture traspirante sullo schienale.

Calzante nel contesto, grazie al suo piano rotondo, il tavolo Fluxo di Luca Casini.
Affacciata sul grande patio esterno, la proposta living e dining di casa Pedrali, con il grande tavolo Babila, testimone autorevole del concetto di convivialità, attorniato dalle poltrone Jamaica (firmate CMP Design) che spiccano dalla vivida tinta rossa grazie alla combinazione materica del tubo d’acciaio dello schienale e il frassino multistrato della scocca.

Sono invece completamente immersi nel panorama abitativo gli ultimi due fotogrammi, racchiusi in una cornice completamente domestica che lascia spazio, senza distrazioni, al prodotto: la monocromatica verticalità delle pareti rosse intervallata dalla calda matericità del legno crea la quinta ideale per dar voce alla sedia Folk (CMP Design) e Vic (design Patrick Norguet). Una seduta dal carattere familiare e universale (in frassino) la prima; avvolgente ed elegante, la seconda, arricchita dal dettaglio dell’apertura tra base e schienale, entrambi imbottiti, qui illuminata dalla lampada a sospensione Tamara di Basaglia Rota Nodari.

Folk, design CMP Design

Vic, design Patrick Norguet

E se design, setting e allure poetico non bastassero a creare un legame tra le differenti storie della campagna #PEDRALITALES, ci pensa un inaspettato elemento decorativo, quanto funzionale, ovvero la collezione di lampade wireless per indoor e outdoor Giravolta, ideate da Basaglia Rota Nodari che intervengono a più riprese per illuminare la scena con disinvolta ironia.