A stay like none other

La visione architettonica di Jean Nouvel, quella culinaria di Caviar Kaspia e la passione per l’arte della Fondazione Alda Fendi – Esperimenti, sono i tasselli ancoranti di The Rooms of Rome palazzo rhinoceros

The Rooms of Rome
The Rooms of Rome
DATA SHEET

Owner: Fondazione Alda Fendi – Esperimenti
Apartment operator: Room Mate
Architecture: Ateliers Jean Nouvel
Interior design and furniture: Ateliers Jean Nouvel, Jean Nouvel Design
Furnishings: tailor-made furniture; Artemide, B&B Italia, Cassina, Figueras, Flos, Molteni&C, Pallucco, Troll, Unifor, Vitra, Wittmann, Zanotta
Lighting: Viabizzuno
Photo credits: courtesy The Rooms of Rome – palazzo rhinoceros

Arte, gastronomia, ospitalità senza eguali: è la miscela esplosiva che compone The Rooms of Romepalazzo rhinoceros. L’idea arriva dall’imprenditore spagnolo Kike Sarasola che a Roma ha voluto creare un’esperienza totalizzante all’interno della struttura – composta da 3 grandi palazzi accorpati – di proprietà della Fondazione Alda FendiEsperimenti. Qui il sublime lavoro di recupero e restauro da parte dell’architetto Jean Nouvel ha teso a ripristinare l’aspetto originale del complesso affinché potesse esso stesso raccontare la propria storia, riuscendo contemporaneamente a innestare un’architettura nuova con soluzioni inaspettate e raffinate.

Soprattutto i 24 appartamenti – dove è possibile rimanere da un giorno a un anno – non sono pensati come spazi abitativi in senso tradizionale, ma come ‘aree apribili’, scrigni in acciaio che riproducono ambienti e servizi – cucina, bagno, armadio – dal linguaggio moderno, in contrasto con la crudezza degli elementi strutturali originali. Stupefacenti i pannelli specchianti creati in rispetto delle stratificazioni storiche che riflettono elementi del passato. Tutto è disegnato e realizzato unicamente per la committenza, integrandosi anche con la più recente tecnologia domotica.

Un luogo davvero speciale, The Rooms of Rome palazzo rhinoceros, dove è forte la presenza dell’arte. Non solo a causa della proprietà, ma perché la collezione e le esposizioni temporanee della Fondazione Alda Fendi – Esperimenti si fondono all’interno dell’edificio con la proposta ricettiva. Una scelta voluta e in linea con la filosofia della Fondazione, che dal 2001 promuove la sperimentazione artistica oltre i limiti convenzionali tra discipline diversificate, dalle arti visive a quelle performative. È altrettanto peculiare l’offerta di ristorazione. Aperta ai romani e ai turisti, al quinto e sesto piano dell’edificio con ben due terrazze affacciate sulla Roma classica, la cucina di Caviar Caspia, storico marchio francese legato al lusso gastronomico, qui mediato dalla tradizione italiana. Cultura e architettura vissute oltre i confini tradizionali.