Dall’héritage francese al savoir-faire Angelo Cappellini

Nel percorso di sviluppo internazionale la Angelo Cappellini torna a guardare alla Francia, ma non più in termini stilistici, quanto come destinazione di nuovi progetti

Florida by Angelo Cappellini
Florida by Angelo Cappellini

Se alla Francia la Angelo Cappellini deve molto delle sue origini, oggigiorno l’azienda – che è protagonista di un forte rinnovamento stilistico e concettuale, nonché di posizionamento internazionale – torna a guardare al territorio d’oltralpe con occhi nuovi e differenti obiettivi. Dagli stili francesi tipici delle arti decorative l’azienda – come in generale l’ebanisteria classica italiana – ha infatti attinto buona parte del suo patrimonio, facendoli propri e affinandoli attraverso una maestria che divenne ben presto distintiva del distretto della Brianza, dove l’azienda sorge e dove tali tecniche raggiunsero il massimo splendore.

Sissi by Angelo Cappellini

Maupassant by Angelo Cappellini

Gli stili Luigi XV, Luigi XVI, Impero sono stati ispirazione diretta per i classicisti italiani, così per Angelo Cappellini che di questa tradizione divenne fedele riproduttore: l’enfatizzazione di forme naturalistiche e di line curve nel Luigi XV, il rigore geometrico dell’ornato e la nitidezza dei volumi caratterizzante il Luigi XVI, fino alla maestosità dell’Impero, solido ed equilibrato nelle proporzioni. Ma è un fatto noto che gli scenari negli ultimi anni sono mutati, «il classico puro sta diventando sempre più di nicchia e il mercato per questo comparto si sta riducendo – come spiega Stefano Zecca, quarta generazione alla guida dell’azienda – Da qui la scelta di evolvere la nostra proposta d’arredo mantenendo inalterate le caratteristiche storiche come intagli, le lavorazioni manuali e i dettagli sartoriali; ma contemporaneamente grazie a finiture, tessuti ed ambientazioni trasferiamo questo patrimonio e questa tradizione al contesto attuale, così da potersi ben inserire in architetture stilistiche differenti, anche più moderne».

Ma è un fatto noto che gli scenari negli ultimi anni sono mutati, «il classico puro sta diventando sempre più di nicchia e il mercato per questo comparto si sta riducendo – come spiega Stefano Zecca, quarta generazione alla guida dell’azienda – Da qui la scelta di evolvere la nostra proposta d’arredo mantenendo inalterate le caratteristiche storiche come intagli, le lavorazioni manuali e i dettagli sartoriali; ma contemporaneamente grazie a finiture, tessuti ed ambientazioni trasferiamo questo patrimonio e questa tradizione al contesto attuale, così da potersi ben inserire in architetture stilistiche differenti, anche più moderne».

Strauss by Angelo Cappellini

Da questa ricerca e sperimentazione sono nate le collezioni Allure e Nuance che vanno a definire una nuova concezione di ‘New Classic Interiors’ attraverso nuove estetiche, nuovi abbinamenti materici, nuove composizioni arredative che danno ampio respiro alla fantasia, alla leggerezza e all’eleganza discreta. Esemplificative di questa evoluzione estetica, la camera da letto Sissi, il living Florida, il salotto Maupassant, che danno idealmente seguito a proposte ad oggi molto apprezzate sul territorio francese come il salotto Balzac, la camera da letto Strauss e la sala da pranzo Canaletto.

«Sono collezioni pensate per essere al passo con i tempi, per un nuovo target di pubblico più cosmopolita e internazionale, che non vuole però rinunciare a un arredo ricercato e sofisticato – prosegue Stefano Zecca – Per questo motivo anche la strategia distributiva è differente rispetto al passato, attuata non esclusivamente tramite showroom, ma rivolgendoci direttamente ad architetti e designer di alto livello che nella rinnovata Angelo Cappellini, e quindi nelle sue nuove proposte, possono trovare un valido interlocutore».

Se l’azienda ha fatto affidamento per oltre 20 anni a una rete retail di storici rivenditori sul territorio francese, principalmente di base a Parigi, oggi guarda al potenziale del mondo progettuale nella sua interezza che la Francia esprime tramite importanti progetti residenziali e in particolare di hotellerie. Caso esemplare di questo incontro di comuni intenti è l’hotel Balzac sugli Champs-Élysées a Parigi, struttura cinque stelle per la quale Angelo Cappellini ha realizzato tutte le 70 camere e suites.

Canaletto by Angelo Cappellini

Balzac by Angelo Cappellini