L’ufficio di Pedrali in cinque atti

Esordio a NeoCon per Pedrali che racconta la propria visione del mondo office attraverso cinque concept, a ricreare altrettanti ambienti lavorativi. Protagoniste le ultime novità d’arredo e una speciale installazione

Elinor, tavolo e poltrona, design Claudio Bellini

Cinque concept. Cinque modi di raccontare l’ufficio. Cinque espressioni di una medesima capacità progettuale. Pedrali debutta per la prima volta a NeoCon Chicago (evento che fa seguito a un altro recente esordio sulla scena americana, quello avvenuto a HD Expo Las Vegas a Maggio) raccontando attraverso tale variegata scenografia la propria visione dell’office contemporaneo e delle sue sfumature d’interior.

La più calibrata formalità dell’ufficio direzionale sussegue alla praticità ed eterogeneità degli spazi operativi, alternandosi a location pensate per la dinamicità lavorativa o al più confortevole relax. Qualità e virtù prestazionali degli ambienti rese possibili dalla molteplicità degli arredi Pedrali che ben si adattano e rispondono alle altrettanto svariate esigenze che il mondo ufficio – sempre più poliedrico, sempre più aperto a contaminazioni – oggi richiede.

All’interno del progetto espositivo – firmato dal duo Calvi Brambilla – al settimo piano del The Mart, l’ufficio direzionale prende vita a partire dalla proposta disegnata da Claudio Bellini, la poltrona Elinor (presentata direttamente dal suo autore nella video intervista qui sopra, alla cui curva e morbida silhouette si ispira anche per la realizzazione dell’omonimo tavolo), accompagnata dalle poltrone Ester di Patrick Jouin e Vic di Patrick Norguet.

Arki Table adjustable

L’Arki-Table adjustable è emblema dell’ufficio operativo, grazie alla sua innata prerogativa di adattarsi alle esigenze lavorative attraverso il ripiano regolabile in altezza. Due attuatori elettrici, collegati ad una centralina e attivabili attraverso due comandi di regolazione posti sotto il ripiano, si muovono all’unisono e permettono di scegliere l’altezza ideale del piano, da 740 a 1140mm, per garantire il massimo comfort durante l’attività lavorativa.

Ypsilon tilting, design Jorge Pensi

La dinamicità degli spazi condivisi di co-working è assecondata dal tavolo Ypsilon tilting di Jorge Pensi, nella nuova versione ribaltabile e accatastabile. Il ripiano è collegato a una base in pressofusione di alluminio attraverso una colonna in estruso di alluminio. Vero plus di questo prodotto è un meccanismo brevettato Pedrali che ne permette il ribaltamento e il passaggio del ripiano da una posizione orizzontale a verticale attraverso due maniglie di sblocco.

Buddy family, design Busetti Garuti Redaelli

E se la collezione Babila di Odo Fioravanti – declinata nel tavolo e nelle poltroncine – diventa protagonista di una rappresentativa sala riunioni, la collezione Buddy di Busetti Garuti Redaelli arreda con ironia, semplicità e massimo comfort un’accogliente sala relax.
Una seduta singola, una panchetta e una chaise-longue i cui generosi schienali, uniti ai morbidi imbottiti dei pouf, creano una famiglia di sedute versatile.
Identità estremizzata in un secondo allestimento dal titolo Buddy Constellation che vede la collezione protagonista, al primo piano del The Mart (Floor 1, NorthEast Corridor): pouf di diverse dimensioni sono sospesi nel vuoto a creare una colorata costellazione, a cui fa da contraltare una distesa a terra di morbidi elementi, destinati a un’area d’attesa.