Desalto nell’Aria

L’azienda partecipa al Salone del Mobile.Milano dopo un anno di art direction firmata Gordon Guillaumier. Molte le collaborazioni con designer di fama internazionale, tra cui Mario Ferrarini, Nendo e Atelier Oï

ARIA by Atelier Oï
ARIA by Atelier Oï

Per la 58esima edizione del Salone del Mobile.Milano, Desalto presenta una ricca varietà di nuovi prodotti. Lo fa dopo circa un anno da quando Gordon Guillaumier ha assunto la direzione artistica. Il designer originario di Malta ha contribuito ad accrescere il dinamismo e l’energia propri di Desalto, azienda da sempre alla ricerca di una funzionalità abbinata al senso estetico.

Aria by Atelier Oi
Aria by Atelier Oi
Aria by Atelier Oi
Aria by Atelier Oi

Guillaumier ha percorso la strada che porta a una vasta offerta realizzata in collaborazione con molti architetti e designer di successo. Tra le novità, spicca Aria di Atelier Oï. Una poltrona caratterizzata dal tessuto tricot che, in un unico pezzo, si avvolge come una tensostruttura attorno ad un tubolare d’acciaio creando una chaise longue, comoda e confortevole. Il nome e la trapuntatura conferiscono leggerezza alla poltrona.

Step by Nendo

Nendo ha ideato per Desalto Step, una collezione di librerie dalle linee essenziali basate su ripiani fissati senza viti e quindi facilmente rimovibili. Ogni ripiano può anche fungere da ferma libro per libri collocati sullo scaffale adiacente.

Mun by Mario Ferrarini
Mun by Mario Ferrarini

Mario Ferrarini, invece, con Mun ha creato una seduta da pranzo dove il protagonista è il segno continuo e circolare.
La progettualità rigorosa di Guglielmo Poletti è applicata in una famiglia di tavolini e impiega una lamiera d’acciaio curvata, dando vita alla collezione Void.

Void by Guglielmo Poletti

Strong di Eugeni Quitllet presenta la sua caratteristica principale nel tubo in acciaio curvato, che diventa anima strutturale: tavolo da pranzo, sedia, tavolino e sgabello, questi ultimi pensati anche per l’outdoor.

Strong by Eugeni Quitllet