Nasce il polo del design italiano

La cerimonia di inaugurazione si terrà il 25 novembre presso l’esclusivo iADC: il centro ospiterà oltre 50 showroom che rappresenteranno il Made in Italy

Polo del design italiano, Iadc
Polo del design italiano, Iadc

Sarà inaugurato il 25 novembre il nuovo polo del design italiano in città con oltre 50 showroom del Made in Italy, all’interno dell’esclusivo iADC (International Art Design Center): centro espositivo di oltre 1.5 milioni di metri quadrati che si presta a divenire punto di riferimento per il settore in tutta la Cina meridionale, ubicato nel cuore del Pearl River Delta Economic Corridor.

Il complesso – di proprietà del Shenzhen ManJingHua (MJH) Investments Group, che già conta un portfolio di oltre 20 aziende e 3000 dipendenti – mette in atto un programma che coniuga Real Estate e Cultura, già testato con l’Art Design Center e iD Town, anch’essi di proprietà di MJH. Così il nuovo iADC, che coniuga aree espositive e commerciali, distretti artistici e spazi educativi, business headquarters e hotel.

Polo del design italiano, Iadc
Polo del design italiano, Iadc

È in questa estesa cornice – progettata dallo studio di Hong Kong Rocco Design Architects e curata nell’interior design da Woods Bagot – che sorge l’iADC Mall, 12 piani dedicati a un’esperienza immersiva nel design e nell’arte, e nello specifico nell’arredo italiano: ‘La Galleria’ accoglie in 30.000mq, suddivisi nei primi due piani, oltre 50 brand italiani e le rispettive vetrine espositive.

Uno straordinario risultato ottenuto grazie all’accordo di collaborazione siglato con FederlegnoArredo Eventi: «FLA Eventi ha dato il suo patrocinio per facilitare il contatto tra questo partner e le aziende italiane, operando affinché il più alto numero di brand potesse avere uno spazio in questo contesto esclusivo – ha dichiarato Roberto Cuneo, Responsabile dell’Ufficio Promozione Internazionale – Oltre al centro espositivo, è in programma l’apertura di un Museo del Design e spazi dedicati al contract con appartamenti moke up, dove le aziende potranno mostrare la loro capacità ed esperienza in questo settore».