La cultura araba secondo Wanders

Mondrian Doha, nel progetto per il nuovo hotel a 5 stelle l’immaginazione regna sovrana

Atrium

Che un soggiorno al Mondrian Doha sia un’esperienza sopra le righe lo si capisce non appena si giunge nei pressi della torre che lo ospita: se la base ha un rivestimento intricato quanto un nido, l’ingresso principale ricorda il becco aperto di un falco, simbolo nazionale che ha ispirato il progetto architettonico di South West Architecture.

La simbologia legata alla falconeria ritorna anche nel concept per gli interni ideato da Marcel Wanders, che ha concepito per l’hotel un percorso narrativo e sorprendente ispirato alle fiabe delle Mille e una notte oltre che ad alcuni tratti distintivi della cultura araba, come la scrittura, i souk, gli ornamenti, visti però sotto la lente contemporanea e fantasmagorica del designer olandese. Lente che non ha paura dell’invenzione pura, delle dimensioni oversize o della iperdecorazione.
E così, su una base di toni neutri per arredi e superfici irrompe una scenografia fatta di cupole vetrate multicolore, colonne e scalinate giganti, colour block, optical o mix and match, mosaici e chandelier, uova dorate, fiori e alberi della vita, video, murales e specchi, tappeti e narghilè giganti. “L’ingresso nel Mondrian Doha dà inizio a una storia fatta di meraviglia e di continue scoperte. Se i molteplici temi sono sovrapposti nell’intero progetto, ogni singolo spazio racconta però una propria storia. Gli ospiti possono quindi vivere esperienze diverse e creare una collezione personale di storie diverse”, spiega Wanders.

Lounge
Female Spa
Pearl Bridal Suite

Ogni spazio collettivo, dalle dimensioni gigantesche, è un’invenzione a sé stante, gareggia con gli altri senza preoccuparsi delle esagerazioni stilistiche per orchestrare una festa per gli occhi e per la mente nella costante stratificazione di significati, materiali, forme, cromie, finiture. Storie che celano funzioni: lobby, zona lounge, piscina panoramica, spa maschile e femminile, la Moonstone ballroom, spazi per convegni, la royal penthouse, la bridal Opal suite, le 270 stanze e suite.
Nei 24 piani anche ristoranti e bar per menu e cucine diversificati, Morimoto, CUT by Wolfgang Puck, Walima, Hudson Tavern, Magnolia Bakery, lo sky bar Rise e il nightclub Black Orchid.
Mondrian Doha è il primo hotel in Medio Oriente di proprietà di SBE, che nello stesso mese ha aperto anche il Mondrian Park Avenue.

Female Spa
Ballroom
Hammam
One Bedroom Suite

Pool