L’ospitalità come narrazione

1898 Post: nel nome gli indizi del solenne manufatto architettonico concepito dall’architetto Louis Cloquet a Gand, nelle Fiandre, e insieme la storia della sua recente conversione che lo ha trasformato da sede degli uffici postali a hotel dall’atmosfera fiabesca

Suite

L’edificio rivela la sua fisionomia architettonica stagliandosi nel profilo urbano con guglie, torri e torrioni, esibendo gli stilemi neogotici di fine Ottocento, quando appunto è nato, e la successiva contaminazione di dettagli neorinascimentali, per trovare infine nell’Eclettismo i suoi caratteri estetici definitivi. 1898 Post si estende su due piani e il progetto di interior, affidato a Geraldine Dohogne, ha voluto imbastire un dialogo discreto ma ininterrotto tra passato e presente. Lo fa senza generare stridori, mantenendosi rispettoso dell’impianto e della storia, grazie al dosaggio sapiente di tonalità e forme inedite di luce.

Le camere, in tutto 38, cambiano nome a seconda della metratura attingendo per lo più al lessico postale: dalle meno ampie Stamp room (francobollo) che misurano 19 mq, alle Postcard, Letter e Suite. C’è anche un loft di 65 mq, sebbene lo spazio privato più sorprendente risulti essere la Tower Suite, sia per la pianta ottagonale della torre che occupa, in cima all’hotel, sia per la vista a 360 gradi sulla città.
Quasi tutte le stanze hanno mantenuto i soffitti a doppia altezza inserendo in alcuni casi soppalchi.

The Letter Room

Suite

In ognuna si percepisce un’atmosfera rilassata: toni verdi scuro sulle pareti, piastrelle ottagonali di marmo nei bagni abbinate a sanitari retrò con finiture in ottone, accessori, libri e cartoline del primo Novecento collocate con gusto sui comodini.

The Carriage Room

Disposizioni domestiche capaci di trasformare tutti gli oggetti in un racconto che negli spazi comuni si adeguano a una vera e propria intenzionalità scenica ricreando l’imagerie di memorie legate all’identità del luogo. A cominciare dal corridoio che conduce alla reception dove, oltre ai mobili d’epoca, si possono ammirare – tutti incorniciati – i bozzetti di Louis Cloquet e i sigilli araldici delle più aristocratiche dinastie fiamminghe.
Ma durante gli spostamenti interni l’occhio viene continuamente sollecitato anche dal campionario iconografico dei gargoyle e delle statue presenti sulla facciata che è impossibile escludere dal campo visivo grazie alle grandi e numerose vetrate, di cui si sono mantenute le cornici originali.

Un’ospitalità intrigante e confortevole si prolunga nei bar della struttura, l’Honesty, The Kitchen e il Cobbler, uniti nella palette cromatica che predilige i grigi e le terre. Pareti delabré sospese tra la ricercatezza ottocentesca e il décor minimalista delimitano gli spazi di The Cobbler sul filo della storia dove si compenetrano e conservano i ricordi, mentre gli arredi classici in cuoio e lino e il grande bancone all’inglese con bottigliera a vista rievocano cocktail bar per momenti di piacere senza tempo.

The Cobbler
The Kitchen
The Cobbler

 

 

credits

Client/Owner
Zannier Hotels

Location
Ghent, Belgio

Interior design
Geraldine Dohogne

Furnishings
vintage pieces and antique furniture

Photo credits
courtesy of Zannier Hotels