L’essenza della cultura locale

Tra i contorni rocciosi e maestosi della Green Mountain, in Oman, a oltre 2000 metri di altezza, Anantara Al Jabal Al Akhdar Resort conquista il primato di altitudine tra le strutture cinque stelle del Middle East

Quella terrazza, tra cielo e terra, quasi sospesa sul Grand Canyon, immerge subito gli ospiti nell’atmosfera del luogo, dove si avverte la forza e l’immensità della natura che sa togliere il fiato. Proprio per creare questi angoli suggestivi, la fase di progettazione dell’hotel, arroccato sul Grand Canyon Jabal Al Akhdar (che significa Montagna Verde) è iniziata con una visita approfondita della zona da parte dell’architetto Lotfi Sidirahal e del suo team di Atelier Pod. Un sopralluogo per comprendere l’architettura locale, per studiare i dettagli architettonici e paesaggistici del villaggio Birkat al Mawz e del Forte Jabrin e per incontrare le comunità di montagna, analizzando le architetture vernacolari. Questa fase conoscitiva è stata indispensabile per sviluppare un progetto dove volumi, luci, materiali e dettagli decorativi creassero un’armonia perfetta tra forma e funzione, adattandosi anche al clima e alla cultura locale. Il resort di lusso, con una superficie complessiva di 24.000 mq, si estende su un terreno di 66.000 mq ed è composto da 115 camere (82 camere Deluxe e 33 ville) sei ristoranti e lounge, un centro benessere e varie strutture ricreative.

La hall è sormontata da una cupola geodetica di legno, con un diametro di 10 metri, sotto la quale una fontana esagonale monolitica fa zampillare acqua. L’atmosfera del patio, cuore del resort, è vivacizzata dal suq che attira i clienti una volta alla settimana, dal coffee shop, da una biblioteca e dai vari viali che conducono ai diversi ristoranti. Le cucine offrono ogni genere di piatto, da quelli esotici o marocchini a quelli italiani, con specialità Medio Orientali, miscele di spezie o narghilè aromatizzati. Per un menù continentale si può scegliere il ristorante Al MaisanBella Vista per gli amanti dei gusti italiani e del buon vino mentre Al Qalaa, situato in una torre al centro del resort, offre il meglio della gastronomia araba e omanita. Per cocktail e relax sotto le stelle i lounge bar Al BahaAl Burj e Al Shourfa.

Atelier Pod si è avvalso della collaborazione di LDC Madrid per l’illuminazione e di HED London per le scelte paesaggistiche. Gli interni riflettono la cultura dell’Oman con uno stile minimalista, arricchito però da opere d’arte locale, lanterne arabe e ceramiche fatte a mano. Le 82 stanze Deluxe offrono una spaziosa camera da letto con bagno termale, completo di vasca e doccia a pioggia. Le 33 ville dispongono di una o due camere, con una piscina privata (a temperatura controllata) a sfioro sulla roccia o nascosta nel giardino esotico. Il centro benessere Anantara Spa, con vasche idromassaggio, sdraio e amache, integra al suo interno il tradizionale sistema di canalizzazione ‘Falaj’ che, instillando acqua, produce un suono che immerge i clienti nella pace che contraddistingue questo luogo.

credits

Client/Owner
MODPF

Location
Nizwa, Oman

Developer
MODPF

Hotel operator
Anantara Hotels

Architectural design
Lotfi Sidirahal, Atelier Pod

Interior design
Lotfi Sidirahal, Atelier Pod

Furnishings
Global Woodwork, Sun and Shades

Lightings
Morrocan Bazaar

Bathrooms
Grohe, Duravit

Photo Credits
Anantara hotels and Resorts